Casa abusivamente occupata. Disposto il non luogo a procedere

Un giudice ha assolto un richiedente asilo iracheno e una coppia di marocchini accusati di occupazione abusiva di una casa occupata e autogestita di Torre del Lago. La Brigata Mutuo Sociale sostiene che la casa ha funzionato come un servizio efficiente per l'emergenza abitativa.

Un iracheno, richiedente asilo, e una coppia di marocchini messi temporeanemente in una casa occupata e autogestita di Torre del Lago dovevano rispondere di occupazione ma il giudice, dopo aver ascoltato Pm e avvocati della difesa, ha ritenuto di non dar luogo a procedere, anche perché quelle persone non abitano più in quel luogo. "La casa di Torre del Lago – dicono gli attivisti della Brigata Mutuo Sociale – ha funzionato e funziona per l’emergenza abitativa come avrebbe dovuto funzionare un servizio efficiente che avrebbe dovuto mettere in funzione chi amministra. Quando uno supera lo stato di emergenza abitativa la lascia ad altri che vi entrano. E’ già accaduto molte volte nel corso degli ultimi dieci anni. Famiglie anche con minori hanno trovato, temporanea, assistenza in quella dimora che le istituzioni avevano, invece, lasciato in stato di abbandono. Ed è accaduto altre due volte che le persone che vi hanno dimorato venissero assolte in processi per occupazione".