Calci alle porte delle case, fermati alcuni ragazzini tra i 13 e i 14 anni

Il gruppo sorpreso dalla polizia municipale a Camaiore. Il comandante Claudio Barsuglia: “I genitori devono svolgere il proprio ruolo di controllo”

Il gruppo è stato sorpreso dalla polizia municipale

Il gruppo è stato sorpreso dalla polizia municipale

Camaiore (Lucca), 7 luglio 2024 – Un gruppo di ragazzini tra i 13 e i 14 anni è stato sorpreso dalla polizia municipale di Camaiore a tirare calci alle porte di alcune case intorno a mezzanotte. 

Gli agenti stavano effettuando un'operazione coordinata nel centro della cittadina versiliese dopo che alla stessa municipale e anche alle forze dell'ordine erano pervenute segnalazioni di ragazzi che di sera si sarebbero resi responsabili di comportamenti poco educati, piccoli atti vandalici e anche lancio di sassi contro le case. Quando è stato sorpreso il gruppo di ragazzi si è dato alla fuga ma alcuni sono stai raggiunti e fermati dagli agenti.

Sono stati poi contattati i genitori ai cui sono stati consegnati i minori. La municipale valuterà ora le varie circostanze e le eventuali responsabilità che potrebbero anche concretizzare una notizia di reato.

Commenta, in una nota, il comandante della municipale Claudio Barsuglia: "I genitori devono svolgere il proprio ruolo di controllo e non devono mandare a giro di notte ragazzi così giovani. Quando sono in gruppo, poi con la presenza di soggetti particolarmente vivaci, potrebbero commettere fatti anche più gravi. I genitori non possono pretendere che la polizia municipale o le forze dell'ordine svolgano i compiti e i doveri di un genitore”.

L'assessore Luca Mecchi, nell'associarsi all'appello del comandante Barsuglia ringrazia poi la municipale “per l'operazione effettuata e per il costante impegno nell'essere ogni giorno e con molteplici attività al fianco della cittadinanza”.