Un seggio in Umbria (foto Crocchioni)
Un seggio in Umbria (foto Crocchioni)

Perugia, 26 maggio 2019 - In una regione che esce dallo scandalo dei presunti favoritismi nella sanità pubblica, l'Umbria premia la Lega. Con un dato boom per il partito del vicepremier Matteo Salvini: un 38% che è una cifra sconosciuta per la Lega a queste latitudini, in quella che è una delle ultime roccaforti rosse del centro Italia.

Al secondo posto ma staccato il Partito Democratico, che si attesta sul 23.9%. Terzo posto per il Movimento Cinque Stelle, che si ferma al 14% e perde circa cinque punti percentuali rispetto alle stesse elezioni di cinque anni fa. Una regione dunque leghista, dove cinque anni fa la formazione di Salvini aveva preso il 2.5%. Quarto posto per Fratelli d'Italia al 6.5%, mentre Forza Italia si ferma al 6.4%, a un'incollatura dal partito di Giorgia Meloni. Gli stessi numeri si ripetono a livello provinciale a Perugia e a Terni. 

L'AFFLUENZA: clicca qui per andare all'articolo