Accusato di frode fiscale: consulente di due famosissimi dj estradato negli Usa

L'uomo, un olandese di 64 anni, è accusato di aver ideato e gestito complessi sistemi di evasione fiscale a livello internazionale per clienti di primario rilievo. Per lui si ipotizza una pena fino a 8 anni di reclusione

Operazione dei Carabinieri

Operazione dei Carabinieri

Perugia, 2 ottobre 2023 -  L'avvocato e consulente finanziario olandese, accusato di associazione a delinquere finalizzata alla frode in danno degli Stati Uniti e di aiuto e assistenza nella predisposizione di dichiarazioni dei redditi false e fraudolente a favore di due noti Dj, è stato estradato negli Usa.

In particolare, secondo le autorità americane - riferisce la Procura generale di Perugia - è indiziato di aver ideato e gestito complessi sistemi di evasione fiscale a livello internazionale per clienti di primario rilievo, trattandosi di due Dj di musica dance elettronica tra i più pagati al mondo.

L'uomo è stato consegnato dagli agenti ai funzionari della polizia americana incaricati di accompagnarlo negli Stati Uniti d'America dove dovrà scontare una pena che potrebbe arrivare fino a otto anni di reclusione. L'arresto, eseguito dai carabinieri della stazione di Valfabbrica, era stato convalidato dalla Corte d'Appello di Perugia nel marzo scorso, su richiesta del Procuratore generale di Perugia. Nei confronti del consulente finanziario era stato emesso un mandato di arresto internazionale, dal Tribunale degli Stati Uniti per il Distretto meridionale di New York, per aver messo in atto una truffa da cento milioni di dollari attraverso l'utilizzo di un sofisticato sistema di evasione fiscale a livello mondiale.

L'uomo era stato individuato nella provincia di Perugia a seguito di indagini svolte grazie ad un'attività di collaborazione tra le autorità statunitensi e la guardia di finanza, che si era avvalsa dell'ufficiale del Corpo, distaccato in qualità di esperto presso l'Ambasciata di Washington e del secondo reparto del Comando generale. L'olandese, 64 anni, si trovava nel carcere di Capanne a seguito della sentenza dei giudici perugini.