Ed anche in questa estate 2020 della riapertura, almeno parziale, della storica Villalago non se ne parla. E’ l’amara conclusione a cui arriva Monia Santini (nella foto), consigliera provinciale di FdI, che con un atto d’indirizzo nei mesi scorsi aveva riportato alla ribalta la questione. "Essendo parte...

Ed anche in questa estate 2020 della riapertura, almeno parziale, della storica Villalago non se ne parla. E’ l’amara conclusione a cui arriva Monia Santini (nella foto), consigliera provinciale di FdI, che con un atto d’indirizzo nei mesi scorsi aveva riportato alla ribalta la questione.

"Essendo parte della Commissione Garanzia e Controllo, quando ho richiesto l’audizione dei tecnici della Provincia –spiega Santini –, in concomitanza ho richiesto con pari urgenza l’audizione di un rappresentante della controparte, la società appaltante ‘Il Delta Service’, soprattutto alla luce del fatto che in occasione del sopralluogo del 18 giugno, il dottor Galati, presente per la società appaltante, si era impegnato per la riapertura del parco in agosto. Dalla richiesta formale di audizione è seguito un balletto di date ipotizzate dalla società e puntualmente rimandate con motivazioni di lavoro, finché dopo più di un mese l’altro giorno abbiamo ricevuto la convocazione per venerdì 31 luglio".

"Sarà certo interessante ascoltare la società – aggiunge Santini – soprattutto alla luce del fatto che a Villalago non c’è ancora nessuna ditta al lavoro che abbia iniziato una benché minima opera di manutenzione. Tavolini, camini, bagni pubblici e aree verdi sono nelle stesse disastrose condizioni in cui li abbiamo visti durante il sopralluogo, condizioni identiche a quelle riportate da foto scattate da cittadini risalenti al 2018 e poi ancora indietro. Tutto fermo, immobile nel tempo come un castello colpito dall’incantesimo di una strega cattiva".