Truffe e raggiri: emergenza sociale: "Anziani e persone fragili a rischio"

A lanciare l’allarme Spi-Cgil e Federconsumatori: "Ai nostri sportelli denunciati più di 400 casi. Anche i social possono rivelarsi fatali: imparate a riconoscere chi vi chiede l’amicizia o vi fa proposte galanti" .

Truffe e raggiri: emergenza sociale: "Anziani e persone fragili a rischio"

Truffe e raggiri: emergenza sociale: "Anziani e persone fragili a rischio"

Nipoti coinvolti in incidenti, figli alle prese con guai giudiziari, la raccolta fondi per i bambini di chissà quale villaggio dell’Africa, il corteggiatore galante che chiede l’amicizia su FacebooK, il tizio gentilissimo che ti segue sotto casa e si presenta come un vecchio amico di famiglia: occhio, spesso sono tutte situazioni fasulle, con l’obiettivo di spillare soldi al malcapitato di turno. Spi-Cgil e Federconsumatori Umbria non esitano a parlare di "allarme sociale", tanto da lanciare una campagna informativa a tutto campo, per mettere in guardia i cittadini, soprattutto quelli più anziani. Paolo Del Caro (presidente regionale Federconsumatori) dice che la situazione è molto grave. "Truffe e raggiri sono ormai all’ordine del giorno. Si gioca su malattie e incidenti, chiedono soldi. Come agiscono i malviventi? Soprattutto per telefono. Altra questione pesante, che non riguarda solo gli anziani ma anche i più giovani, sono le proposte di investimenti da finte finanziarie. State attenti, perché si tratta di persone senza scrupoli. Nella provincia di Perugia nel 2023, ai nostri sportelli sono stati denunciati oltre 300 casi; un centinaio a Terni". Frequenti anche i matrimoni “taroccati“, per avere soldi e permessi di soggiorno. Se ne è parlato durante il seminario organizzato dalla Cgil e coordinato da Patrizia Venturini, presente Giovanna Capuozzo (vice nazionale Federconsumatori).

Anche Andrea Farinelli (Spi Umbria) parla di cifre inquietanti dove a farne le spese sono soprattutto gli over 70. "Offrire strumenti utili per “non farsi fregare” è l’obiettivo del seminario e degli incontri che seguiranno sul territorio. Bisogna imparare a difendersi dai delinquenti e capire quando è il caso di non fidarsi".

Silvia Angelici