Sharing dei monopattini? ’Non ci sono le condizioni’

Margherita Ambrosi, responsabile della mobilità del Comune, ha detto no (per ora) intervenendo in audizione in Commissione su un ordine del giorno presentato da Volpi.

Sharing dei monopattini? ’Non ci sono le condizioni’
Sharing dei monopattini? ’Non ci sono le condizioni’

PERUGIA - "La città in questo momento non ha le condizioni di sicurezza per poter ospitare lo sharing dei monopattini". E’ una sentenza senza appello – per adesso - quella che ha emesso il responsabile della mobilità del Comune, Margherita Ambrosi, che ieri è intervenuta in audizione in Commissione su un ordine del giorno presentato dal consigliere comunale Nicola Volpi che richiedeva di implementare il servizio di bike sharing elettrico e quello dei monopattini. "Il mio è un parere puramente tecnico – ha precisato Ambrosi – ma la città non è ancora adatta dal punto di vista della sicurezza: le piste ciclabili sono poco numerose, i marciapiedi spesso non in condizione di ospitare questi mezzi". Insomma la sicurezza di chi utilizza i monopattini sarebbe messa a repentaglio, ha fatto capire l’ingegner Ambrosi. "I monopattini – ha detto dal canto suo Volpi – non solo sono tra i mezzi più amati da chi fruisce dei servizi di sharing, ma sono al centro dell’attenzione del Governo, che ha varato una serie di misure per tutelare i conducenti e arginare il crescente numero di incidenti. Ad esempio si ipotizza l’obbligo del casco per tutti i conducenti, assicurazione Rc e targa, ossia un contrassegno identificativo adesivo, plastificato e non rimovibile come quello presente su autoveicoli e motoveicoli, divieto di viaggiare contromano e sostare sui marciapiedi, possibilità di spostarsi solo su strade urbane con un limite di velocità non superiore ai 50 chilometri orari. La mia proposta parla di una valutazione dell’introduzione dei monopattini, non certo un’imposizione nell’attivare il servizio". L’ordine del giorno è stato approvato a maggioranza (7 sì e 6 astensioni).