Protocollo tra . Slow Food Italia e il Municipio

Il Comune di Todi ha siglato un protocollo con Slow Food Italia per diventare un laboratorio di buone pratiche in tema di sostenibilità ambientale e alimentare. Iniziative come mercati mensili, educazione alimentare e laboratori del gusto contribuiranno a rafforzare l'identità di Todi come "città più vivibile del mondo".

Protocollo tra . Slow Food Italia  e il Municipio

Protocollo tra . Slow Food Italia e il Municipio

È stata scelta la giornata mondiale dell’alimentazione per la sottoscrizione del protocollo tra Slow Food Italia e il Comune di Todi, importante progetto di collaborazione annunciato a fine agosto in occasione della presenza in città, per il Todi Festival, di Carlo Petrini, il fondatore dell’associazione internazionale nata nel 1986 per promuovere un cibo buono, pulito e giusto per tutti. Con la firma la città è stata individuata quale laboratorio di buone pratiche in tema di sostenibilità ambientale e alimentare: una scelta legata alle dimensioni e alla notorietà acquisita fin dai primi anni Novanta come "città più vivibile del mondo". Tra le iniziative la realizzazione di un mercato mensile dei prodotti della terra nel centro storico, ogni terza domenica del mese a partire da domenica 19 novembre; altro filone quello dell’educazione alimentare in ambito scolastico innanzitutto, ma non solo, con iniziative rivolte anche alla popolazione adulta. Ulteriore punto sarà il rapporto con l’ambiente e il paesaggio, l’avvio di una scuola di cucina con corsi tematici per la valorizzazione delle produzioni locali e la realizzazione di laboratori del gusto in occasione dei principali eventi cittadini. Il primo sarà il 1 novembre, in occasione di Frantoi Aperti, con un cooking show a base di presidi slow food e olivo nuovo. "L’accordo appena firmato – afferma il sindaco Antonino Ruggiano - va ad aggiungere valore e sistematicità all’identità di Todi città sostenibile a tutti i livelli, obiettivo che si sta perseguendo in ogni direzione della politica locale".

s.f.