"Pievaiola, scippati i fondi". La furia di quattro sindaci

"Il tratto di Pietraia escluso dal piano di sicurezza". Lettera alla Regione

"Pievaiola, scippati i fondi". La furia di quattro sindaci
"Pievaiola, scippati i fondi". La furia di quattro sindaci

Quattro sindaci sul piede di guerra hanno preso "carta e penna" dopo aver appreso che dal piano di opere di riqualificazione della S.R. 220 Pievaiola "senza alcuna partecipazione né comunicazione", è stata escluso dagli interventi previsti delle opere la messa in sicurezza del tratto in località Pietraia, "l’unico peraltro – scrivono i primi cittadini di Città della Pieve, Piegaro, Panicale e Paciano - per il quale sono stati già da tempo realizzati interventi con risorse pubbliche per la rilevazione del nuovo tracciato lineare e rappresenta a nostro avviso l’assoluta priorità per la sicurezza della circolazione. Dobbiamo ricordare che sul quel tratto, nell’attuale tracciato, si sono verificati molti incidenti, alcuni dei quali purtroppo mortali, che hanno riguardato in larghissima parte cittadini dei nostri territori, che sono quelli che utilizzano in prevalenza l’arteria". Nella missiva che hanno indirizzato ai vertici di Regione e Provincia i quattro sindaci esprimono "contrarietà per una scelta che peraltro è stata assunta con una spiacevole ma inconfutabile assenza di collaborazione istituzionale coi i territori maggiormente interessati, che determinerebbe un inaccettabile pregiudizio per i nostri concittadini. Tutto ciò premesso chiediamo il reperimento delle risorse che residuano per il completamento del lotto di interventi così come definito in sede di accordo di programma. In difetto, viste anche le modalità con cui istituzionalmente si è addivenuti a questa nuova determinazione, ci vedremo costretto nostro malgrado ad esperire ogni azione utilmente operabile a tutela delle nostre comunità e di quella di tutti i fruitori della viabilità fondamentale per il Trasimeno Sud".