Omc, prosegue il potenziamento: "Impianto giovane, con un futuro. Qui portiamo lavoro e assunzioni"

Matteo Salvini ha fatto tappa anche alle Officine Manutenzioni Cicliche di Foligno: "Non per dare pacche sulle spalle ma fare cose concrete". L’ad di Trenitalia: "A breve si potrà contare su una quindicina di posti in più".

Omc, prosegue il potenziamento: "Impianto giovane, con un futuro. Qui portiamo lavoro e assunzioni"
Omc, prosegue il potenziamento: "Impianto giovane, con un futuro. Qui portiamo lavoro e assunzioni"

Dopo la cerimonia per la posa della prima pietra per l’avvio dei lavori di riqualificazione della tratta ex Fcu Perugia – Terni, il vicepresidente del consiglio e Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Matteo Salvini, insieme all’Ad di Trenitalia Luigi Corradi, e Gianpietro Strisciuglio e Pietro Diamantini, ha fatto tappa alle Officine Manutenzioni Cicliche di Foligno. "Un impianto giovane che per il futuro non avrà nessun problema. Non siamo quì – ha spiegato Salvini - in questo impianto, simbolo della città per dare ‘pacche sulle spalle’ ma per portare lavoro e assunzioni".

Garanzie per le assunzioni, confermate dall’ad di Trenitalia Corradi che ha lasciato capire che : "A breve, i livelli occupazionali dell’impianto potranno contare su una quindicina di assunzioni".

Tutto prosegue quindi per il verso giusto in merito al progetto di potenziamento delle Omc, (un investimento di 48 milioni di euro) necessario per dare il via ad un nuovo tipo di manutenzione dei treni di nuova generazione, Minuetto, Pop e Jazz. "La visita del Ministro Salvini – ha commentato Fabio Ciancabilla, segretario Regionale Fi-Cisl- rappresenta il giusto riconoscimento ai risultati ottenuti fin qui dalle Omc, impianto manutentivo folignate, tra i migliori della penisola. A testimoniare ciò la scelta della Regione Umbria che, proprietaria dei 4 Minuetti, ha scelto l’impianto di Foligno altamente specializzato. La visita del Ministro suggella la posizione strategica delle Omc in ambito manutentivo della flotta Trenitalia. Posizione raggiunta grazie all’impegno e alle capacità di tutti i lavoratori dell’impianto. Il merito inoltre, spetta anche a questa sigla sindacale e alle altre Ooss regionali che hanno saputo valorizzare gli sforzi dei lavoratori con accordi sindacali mirati alla produttività e al raggiungimento degli obiettivi aziendali".

Carlo Luccioni