Una volante della polizia (Foto d'archivio)
Una volante della polizia (Foto d'archivio)

Foligno, 3 aprile 2020 – E' andato sotto casa della fidanzata e ha minacciato di spararle con la carabina. Sale la tensione in tempo di coronavirus con la polizia che è sempre più spesso costretta a intervenire per tensioni familiari. Il fatto in questione è avvenuto a Foligno dove il commissariato ha dato esecuzione all’ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Spoleto, a carico di un italiano 26enne, per i delitti di detenzione e porto abusivo di armi, minaccia grave aggravata e ricettazione.

Il giovane infatti che aveva già precedenti per reati contro il patrimonio (spaccio di sostanze stupefacenti), intorno alla mezzanotte è andato sotto l’abitazione di un’amica della fidanzata dove si trovava come ospite. L’uomo ha tentato di entrare nella casa ma gli è stato impedito. A quel punto ha imbracciato una carabina, poi risultata rubata, e minacciato nuovamente la fidanzata affacciata alla finestra puntandogli contro l’arma.

Le due donne hanno richiesto aiuto al 113 e il 26enne si è allontanato gettando l'arma sotto una siepe.

Gli uomini del Commissariato di Foligno si sono messi alla ricerca del giovane riuscendo successivamente a rintracciarlo, bloccarlo e a recuperare la carabina. Ora l'uomo si trova agli arresti nel carcere di Spoleto.