Lo sfregio al Natale. Danneggiato il crocifisso

Castiglione del Lago, la scoperta alla Vigilia nella chiesa di San Domenico. Don Marco Merlini: "È un atto vandalico. Non è il primo che subiamo".

Lo sfregio al Natale. Danneggiato il crocifisso

Danneggiato il crocifisso della chiesa di San Domenico a Castiglione del Lago

Lo sfregio al Natale. C’è un braccio che penzola dal crocifisso della chiesa di San Domenico a Castiglione del Lago. Il palmo è rimasto appeso alla croce ma l’arto è staccato dal resto del corpo. Un’immagine violenta, così come violento deve essere stato il gesto che l’ha provocato. Non ha dubbi il parroco, don Marco Merlini "si è trattato certamente di un atto vandalico. Non è il primo che subiamo". Così, a poche ore dalla Vigilia di Natale i fedeli hanno scoperto che il crocifisso era stato gravemente danneggiato. Qualcuno, entrato nel luogo di culto di via del Forte nella mattinata del 22 dicembre si è accanito sull’oggetto sacro spezzando un braccio all’immagine di Cristo, statua lignea seicentesca che spicca alla sinistra dell’altare. E’ stata sporta regolare denuncia e sul fatto stanno indagando i carabinieri della stazione di Castiglione del Lago. Don Marco è sconvolto, "non ho parole per descrivere l’accaduto - spiega a La Nazione -. Abbiamo preso la decisione di chiudere la chiesa, ora l’apriremo la mattina per i visitatori". Il precedente è grave allo stesso modo, se non di più: la scorsa estate è stato appiccato il fuoco al leggio sull’altare. Per fortuna i custodi, che vivono al piano superiore, avevano sentito la puzza di fumo ed erano corsi a spegnere le fiamme prima che si propagassero in tutta la chiesa. Sui social è partita la caccia all’autore (o autori) del gesto, i commenti sono tantissimi e tutti auspicano che il responsabile venga presto individuato. Dura condanna dell’associazione Voce dei Cittadini che "invita il consiglio comunale a promuovere un ordine del giorno di condanna al prossimo consiglio comunale" ma anche all’implementazione dei sistemi di videosorveglianza. Sollecitazione già raccolta dal consigliere comunale Paolo Brancaleoni. La piccola chiesa è significativa per la storia della famiglia della Corgna e quindi per tutta la comunità e la storia castiglionese. Castiglione del Lago è molto devota a questo culto con l’antica Confraternita di San Domenico che dal 2008 rievoca la miracolosa guarigione della duchessa.

Sa.Mi.