LUCA FIORUCCI
Cronaca

Distributori passati al setaccio. Controlli della Finanza su prezzari e comunicazioni

Le Fiamme Gialle al lavoro anche in Umbria per verificare il rispetto delle nuove regole governative nelle stazioni di servizio a tutela dei consumatori: e le infrazioni ci sono

La Finanza fa il pieno di controlli, blitz nei distributori di benzina

La Finanza fa il pieno di controlli, blitz nei distributori di benzina

Perugia, 6 agosto 2023 – Periodo di partenze, di bagagliai stipati e automobili in marcia verso le destinazioni vacanziere. Mare o montagna che sia, la costante è la necessità di avere il serbatoio pieno. E se il traffico si è intensificato, come da tradizione, allo stesso modo sono stati intensificati i controlli sia per garantire la sicurezza degli automobilisti che per tutelare i loro portafogli.

Per questo la Guardia di Finanza in tutta Italia e in Umbria compresa, hanno effettuati numerosi controlli nelle stazioni di servizio con l’obiettivo, in particolare, di verificare la correttezza degli operatori commerciali per quello che riguarda la trasparenza dei prezzi riservati agli utenti consumatori. L’attività mirata ha interessato, nello specifico il periodo che è andato dal 31 luglio al 3 agosto.

In questi quattro giorni, lungo la Penisola, i finanzieri hanno eseguito 234 controlli, 22 hanno interessato impianti autostradali e 212 a distributori della rete stradale. Sono 240 le violazioni complessivamente contestate: in 126 casi è stata riscontrata la mancata o difforme esposizione dei prezzi praticati rispetto a quelli indicati.

Sono 114 , invece, in tutta Italia le irregolarità rilevate in materia di obbligo di comunicazione dei prezzi al Ministero delle imprese e del made in Italy. Irregolarità, secondo quanto è stato possibile apprendere, sono state riscontrate anche nelle stazioni di servizio dell’Umbria. Violazioni che riguarderebbero il prezziario esposto e le comunicazioni previste per legge. I controlli da parte della guardia di finanza, anche sulla scorta delle recenti novità introdotte, con l’esposizione obbligatoria dei prezzi medi applicati in ogni singola regione, proseguiranno anche nei prossimi mesi.

elleffe