di Cristina Belvedere In presenza o virtuale, la parola d’ordine che si è dato l’assessore al Turismo del Comune di Siena è "cogliere tutte le opportunità per promuovere il territorio dal punto di vista turistico". Per questo l’amministrazione ha deliberato di partecipare ai prossimi grandi appuntamenti destinati agli operatori del settore, per rilanciare un sistema dell’accoglienza fortemente penalizzato dalla crisi da Covid. La prima occasione per portare Siena sotto i riflettori è la Milano Bit (Borsa internazionale del Turismo), che sarà proposta a Fieramilano City dal 9 all’11 maggio. La prestigiosa manifestazione è riservata ai professionisti di settore e la partecipazione dell’amministrazione avviene in...

di Cristina Belvedere

In presenza o virtuale, la parola d’ordine che si è dato l’assessore al Turismo del Comune di Siena è "cogliere tutte le opportunità per promuovere il territorio dal punto di vista turistico". Per questo l’amministrazione ha deliberato di partecipare ai prossimi grandi appuntamenti destinati agli operatori del settore, per rilanciare un sistema dell’accoglienza fortemente penalizzato dalla crisi da Covid.

La prima occasione per portare Siena sotto i riflettori è la Milano Bit (Borsa internazionale del Turismo), che sarà proposta a Fieramilano City dal 9 all’11 maggio. La prestigiosa manifestazione è riservata ai professionisti di settore e la partecipazione dell’amministrazione avviene in qualità di capofila dell’Ambito Terre di Siena. Il braccio operativo del Comune in questo senso è il Consorzio Convention Bureau che comprende una trentina di aziende e che si occupa del piano per incrementatore l’offerta turistica e sviluppare, tra l’altro, il segmento della convegnistica. "La nostra azione di promozione, valorizzazione e marketing territoriale avviene attraverso la presentazione diretta delle eccellenze del territorio e della città di Siena – spiega l’assessore Tirelli –: puntiamo sulla convegnistica e il wedding e queste fiere sono anche l’occasione per fare gioco di squadra. Le aziende del Convention Bureau possono infatti conoscersi meglio e organizzare strategie comuni, per cogliere le varie opportunità".

La Bit 2021 guarda nello specifico alle esigenze dell’amministrazione senese relative alla ricerca continua di nuove modalità di viaggio, di stagionalità turistica e di applicazione di tecnologie sempre innovative per riorganizzare e pianificare al meglio il rilancio dell’attività e dell’offerta turistica: di qui l’investimento di 2.800 euro per partecipare all’evento.

Altri 5.200 euro sono invece la somma stanziata dal Comune per essere presente alla Fiera del Ttg Travel Exeperience 2020 di Rimini prevista dal 13 al 15 ottobre. Qui infatti l’amministrazione in passato ha ottenuto "ottimi risultati", perchè l’appuntamento "richiama operatori turistici e viaggiatori provenienti da tutto il mondo quale key player delle principali aziende del comparto turistico": "Questa fiera – sottolinea Tirelli – è una delle più importanti del settore, quindi può ritenersi utile per sviluppare e valorizzare la conoscenza di Siena e il suo territorio come luogo turistico-culturale di eccellenza".

Non mancano tuttavia anche gli eventi on line a cui l’amministrazione intende partecipare: "Dal 9 al 12 marzo saremo presenti all’Itb 2021Fiera Virtual di Berlino online, evento dell’industria turistica internazionale organizzato da Messe Berlin – annuncia l’assessore –. Tutto questo in stretta collaborazione con la Regione, Visit Tuscany e l’Agenzia Toscana promozione turistica. In vista di un ritorno alla normalità, che avverrà gradualmente nel 2021 dopo le misure eccezionali previste per contenere l’epidemia, l’amministrazione ritiene necessario adottare tutte le iniziative più rilevanti per assicurare la ripartenza della città post Covid 19 e garantire una maggiore effettiva ripresa del sistema economico e sociale cittadino anche in ambito turistico, considerato uno tra i maggiori settori di sviluppo socio-economico della città stessa". Tirelli conclude: "Queste occasioni aiutano a portare l’immagine di Siena nel mondo e ad avere contatti con più soggetti per promuovere il territorio, anche grazie alla parola ’Tuscany’. Insomma, dopo anni di assenza della città dalle fiere nazionali e internazionali, adesso intendiamo cogliere tutte le opportunità".