Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
26 mag 2022

Sienambiente, varato il bilancio e nomine rinviate

L’assemblea dei soci approva i conti con un milione di euro di utili. 48 milioni da investire

26 mag 2022

L’assemblea dei soci di Sienambiente ha approvato il bilancio 2021, chiuso con un utile di 1.093.589 milioni e un margine operativo di circa 7 milioni di euro. Tra gli elementi più significativi, la sostanziale stabilità dell’indebitamento. Approvato anche il Piano industriale 2021-2026 che prevede un investimento di 48 milioni di euro, in parte finanziabili grazie ai fondi del PNRR, per la realizzazione di progetti finalizzati all’incremento del riciclo e della transizione ecologica. Via libera anche al nuovo impianto di riciclo dei pannelli fotovoltaici a fine vita dai quali è possibile estrarre materiali molto richiesti dal mercato delle materie prime come il silicio, l’alluminio, il vetro e la plastica. A sostegno del Piano di sviluppo è stato già ottenuto un finanziamento da Banca Mps. L‘operazione, con ammortamento in 12 anni, è assistita dalla garanzia green di SACE.

"Un importante piano di investimenti – ha dichiarato Alessandro Fabbrini, presidente di Sienambiente – e interventi strutturali coerenti con gli obiettivi europei sull’economia circolare in grado garantire importanti benefici ambientali e produttivi riducendo, allo stesso tempo, i conferimenti in discarica".

"E’ un bilancio sano che costituisce la base di partenza – le parole dell’ad Alfredo Rosini dopo il cda – per l’inserimento di nuove azioni industriali finalizzate al rafforzamento del servizio e alla riduzione delle tariffe di conferimento negli impianti con possibili effetti positivi sulla tariffa pagata dal cittadino. Un percorso di sviluppo e gestione degli impianti che intendiamo rendere ancor più economicamente sostenibili andando a migliorare anche i processi produttivi".

Sono le reazioni dopo l’approvazione in cda. Perché l’assemblea dei soci di Sienambiente sarà convocata entro fine giugno per decidere il nuovo consiglio d’amministrazione. Sono 5 i membri: due nominati da Iren e privati, con Rosini ad, e 3 dalla parte pubblica. Fabbrini non sarà più presidente, visto che è al vertice di Sei Toscana. Ma i Comuni soci devono ancora trovare l’accordo sul successore.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?