Ramadan, l’Ateneo non si ferma. Il rettore Di Pietra non ha dubbi:: "Avanti con il calendario previsto"

La Stranieri sospende la didattica il 10 aprile e per Yom Kippur. L’Università degli studi conferma le lezioni

Ramadan, l’Ateneo non si ferma. Il rettore Di Pietra non ha dubbi:: "Avanti con il calendario previsto"

I rettori dell’Università degli studi e dell’Università per Stranieri, Roberto Di Pietra e Tomaso Montanari, uniti su progetti di cooperazione con le università israeliane, divisi sullo stop alle attività didattiche per il Ramadan e lo Yom Kippur

"L’università non entra nella geopolitica internazionale", dice il rettore Roberto Di Pietra commentando la decisione del Senato accademico dell’Università di Pisa che ha chiesto di rivedere l’accordo di collaborazione scientifica con Israele. "I fatti non sono proprio così come raccontati in questi giorni: il rettore di Pisa Riccardo Zucchi – precisa Di Pietra – non ha detto che interromperanno i rapporti con l’università israeliana, ma solo che non parteciperanno a un bando di finanziamento di un progetto di ricerca. Per quel che mi riguarda, la mia posizione è quella già espressa all’inaugurazione dell’anno accademico, il 9 novembre scorso: non è nella missione dell’Università prendere posizione per l’uno o per l’altro. L’unica parte è il sostegno alla pace. L’Università ha il dovere di tenere aperti i ponti culturali con tutti i Paesi; se così non fosse e prendesse posizione – aggiunge il rettore –, smetterebbe la sua missione accademica. Va anche detto che, diversamente da quel che si pensa, le Università sono i luoghi del dissenso rispetto ai Governi, pertanto non possiamo chiudere questi spazi di democrazia".

Sulla scia dell’apertura culturale propria dell’università, ieri l’ateneo per Stranieri di Siena ha ufficializzato il 10 aprile la sospensione delle lezioni in concomitanza con l’"Iftar di Ramadan", la grande festa islamica della rottura del digiuno. "In questo momento terribile, un momento in cui tutto l’Occidente si fa complice del massacro senza fine di Gaza – scrive Unistrasi –, è importante dare un segno preciso di amicizia e condivisione con le persone che si riconoscono nella cultura islamica. E, nel prossimo ottobre, abbiamo intenzione di sospendere le lezioni anche per la festa ebraica del Kippur, per sottolineare la nostra vicinanza al popolo ebraico nell’anniversario dell’eccidio del 7 ottobre. In ogni persona umana si trova l’umanità tutta intera. Imparare e insegnare a vederlo, è la missione della Stranieri. Mentre irresponsabili pulsioni belliche travolgono l’Europa e il mondo, noi crediamo che chi vuole la pace debba preparare la pace".

La missione multiculturale e inclusiva dell’università, così come interpretata dal rettore Tomaso Montanari, "vorrebbe allora la sospensione dell’attività didattica anche per il Capodanno ortodosso e quello cinese – interviene ancora il rettore Di Pietra –. Su questa strada sarebbe difficile stabilire quale ricorrenza meriti la sospensione e quale no e anche farle tutte. Noi teniamo fede al calendario previsto e andiamo avanti con la didattica".

Paola Tomassoni