Quattordici studenti con qualifica

Gli alunni della quinta B dell’istituto Cennino Cennini pronti a utilizzare macchine a controllo numerico

Migration

Gli studenti del Cennini con qualifica.

di Paolo Bartalini

Quattordici studenti pronti a utilizzare macchine a controllo numerico. In un periodo in cui per le aziende sembra sempre più difficile reperire tecnici specializzati, l’Istituto professionale Cennino Cennini di Colle di Val d’Elsa, all’interno del San Giovanni Bosco, si è distinto per l’interessante iniziativa didattica che ha permesso agli alunni della quinta B di ottenere l’apposita qualifica. È avvenuto per merito di un corso di trenta ore all’interno dei laboratori e dell’officina nella sede di viale dei Mille. Lezioni coordinate dal professor Cesare Stanghini: "Sappiamo che le realtà produttive, anche nella nostra zona - sono in cerca di figure di questo tipo. Grazie al percorso compiuto, i nostri allievi potranno inserirsi più agevolmente in un contesto lavorativo, una volta conseguito il diploma". Ieri mattina è avvenuta la consegna degli attestati, alla presenza del vice preside Sauro Vignozzi, degli stessi giovani del Cennini che hanno seguito le lezioni, e dell’assistente tecnico Mario Angelo Melazzi.

"Partirà dal prossimo anno scolastico al Cennini - spiega Vignozzi - un progetto di apprendistato di primo livello, in virtù della collaborazione con ditte del territorio che hanno accolto il nostro invito nel quadro di una collaborazione il più possibile solida in chiave futura, a beneficio del tessuto produttivo della zona. Siamo tra le scuole superiori che aderiscono a un protocollo, insieme con Confindustria, per facilitare l’ingresso in un universo lavorativo che richiede profili appositamente preparati. In un territorio valdelsano caratterizzato dai numerosi insediamenti industriali e artigianali. Auspichiamo anche l’impegno, in proposito, da parte degli enti locali". Soddisfatti gli studenti dell’Istituto San Giovanni Bosco Cennini diretto da Massimo Pomi: "Un’esperienza davvero utile, in prospettiva", hanno detto a conclusione della mattinata. "Apprendere il funzionamento di certi strumenti - hanno aggiunto - non può che esserci di aiuto, indipendentemente da quello che saranno un domani le nostre mansioni. Vale sempre il detto ‘impara l"arte e mettila da parte’. Poi vedremo quando sarà i momento di operare sul campo". Ecco i nomi dei nuovi addetti al controllo numerico: Eraldo Shera, Antonio Scarnato, Alessandro Paoli, Daniele Bruno, Gabriele Salvador Martinez, Mario Ignelzi, Stefano Del Tito, Lumiyano Smira, Ljutvijan Reka, Selmin Hodza, Andrei Dana, Andrea Giannini, Gianluca Di Senna, Michelangelo Di Senna.