Un esempio di come funziona l'app per non toccarsi il viso
Un esempio di come funziona l'app per non toccarsi il viso

Siena, 6 aprile 2020 - Si chiama No Touch Face l'applicazione sviluppata dal team del professor Domenico Prattichizzo al Siena Robotics and Systems Lab dell'Università di Siena per aiutare le persone a non toccarsi il viso in tempi di coronavirus. Il progetto, nato dalla collaborazione tra l'ateneo senese e l'Istituto italiano di tecnologia, risponde all'attuale emergenza Covid-19 proponendosi come deterrente contro la diffusione dell'infezione.

«Basta uno smartwatch e dei piccoli magneti facilmente acquistabili online - spiega il professor Prattichizzo - per ricevere una notifica vibro-sonora non appena si avvicina la mano al viso. Una semplice soluzione dal grande impatto sulla sicurezza delle persone, spesso esposte a contagi per colpa di disattenzioni. Combattere abitudini simili è fondamentale per diminuire il rischio di contrarre il coronavirus».

L'applicazione No Touch Face, spiega l'ateneo, sfrutta i sensori già integrati nei più comuni smartwatch per misurare il campo magnetico circostante e rilevare la distanza a cui si trovano i magneti. Posizionando piccolissimi magneti su collane, orecchini e occhiali viene dunque delimitata una zona di sicurezza all'interno della quale l'applicazione genera una notifica di allarme. «È una soluzione facile e accessibile a tutti - prosegue il professor Prattichizzo - per tenere costante l'attenzione all'igiene, ancor più utile nei luoghi pubblici».

No Touch Face è un'applicazione gratuita attualmente disponibile per sistemi operativi Wearos. Il software è open-source e accessibile al sito ufficiale www.nofacetouch.org. Grazie al contributo collettivo sarà possibile migliorare e sviluppare l'applicazione anche per altre smart watches (Samsung, Apple, Huawei) per essere di aiuto a un numero sempre più alto di persone. Il progetto No Face Touch è parte dell'iniziativa dell'Istituto per la Robotica e le Macchine intelligenti, che in questo momento sta cercando a livello nazionale di contribuire alla prevenzione e cura del Covid-19.