Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
19 mag 2022

La Biccherna, genio giovanile di Sano di Pietro

Domani la cerimonia di riconsegna all’Archivio di Stato dell’opera acquistata dallo Stato per 750mila euro. I misteri della ’Gabella’

19 mag 2022

L’invenzione scenografica è talmente eccezionale che si stenta a crederla opera del giovane Sano di Pietro. La tavoletta, per esattezza della Gabella, che sarà presentata al pubblico domani, ritrova una collocazione consona. Per acquisirla dopo il passaggio ad un’asta dove aveva raggiunto quota un milione e 200mila euro la trafila è stata lunga e le procedure non facili. Il Ministero ha quindi svolto una trattativa che ha ridotto la cifra a circa 750mila euro. Cinzia Cardinali, la direttrice dell’Archivio, è stata felicissima, come se una pecorella smarrita si ricongiungesse al suo gregge. Nel volume del 1984 (’Le Biccherne’) compariva tra le 139 schedate e data al Wallraf-Richartz-Museum di Colonia a seguito della donazione della figlia del collezionista Franz von Lenbach. Era qualificata come "una delle tavole di più alto valore artistico conservate all’estero".

Gli interrogativi sull’attribuzione suscitano ipotesi a catena. Eberhard Ruhmer aveva attribuito la tavoletta (1958) ad un "anonimo della cerchia del Sassetta" della quale Sano di Pietro fu discepolo membro accreditatissimo. Ma il nome che circolava era quello di un fantomatico Maestro dell’Osservanza.

A che punto è l’annosa querelle? Spiega Alessandro Angelini: "La questione del ‘Maestro dell’Osservanza’ fu sollevata nel 1948 da Alberto Graziani, che raggruppò una serie di tavole considerate dell’ambito di Sassetta, separandole dal catalogo del maggior pittore dell’iniziale Rinascimento senese per conferir loro autonomia: si trattava, a suo parere, di un Maestro anonimo, allievo del Sassetta, ma più intensamente gotico. La tavola attorno alla quale erano raggruppare le altre era quella dell’Osservanza di Siena, datata 1436, la cui predella, ora in Pinacoteca, raffigura la ‘Madonna col Bambino e i santi Ambrogio e Girolamo’.

Altra opera del gruppo è la ‘Nascita di Maria’ del Museo di Palazzo Corboli di Asciano, databile al quarto decennio del Quattrocento". Cesare Brandi aveva per primo supposto che questo maestro anonimo si potesse identificare con la fase giovanile di Sano di Pietro, del quale non si conoscono lavori certi se non a partire dal 1444.

La ’Flagellazione’ del 1441 rientrata in patria apparterebbe agli ’anni oscuri’ di Sano? Il pavimento quadrettato ha riscontri nella ‘Nascita di Maria’ di Asciano e nel 2010 una scoperta documentaria di Maria Falcone ha confermato l’identità del Maestro con il giovane Sano, perché ha rinvenuto un pagamento a suo beneficio proprio per la pala della ‘Nascita di Maria’. Il problema dell’attribuzione rimane aperto. Il prolifico Sano sarebbe stato più geniale e creativo da giovane che nella maturità, chiunque sia l’autore, è stupefacente e ardito il sadico balletto che s’abbatte sul corpo di Cristo, inclinato per le violenze. Perché mai i committenti dell’odiata Gabella avranno scelto a lignea copertina dei resoconti un dolente episodio sacro? Allusione ai tempi duri del dopo-peste?

Roberto Barzanti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?