Due mesi fa l’illusione era che fosse tutto finito o quasi. Settimane con zero contagi a Siena e nella sua provincia, passeggiate e chiacchiere in libertà senza mascherine e vacanze spesso sin troppo disinvolte. Come se il maledetto virus non fosse mai esistito o, comunque, potesse rimanere solo il brutto ricordo di una primavera vissuta al buio del lockdown. Poi, settimana dopo settimana, c’è stato il brusco risveglio, il richiamo alla realtà. Il Covid ha ricominciato a picchiare anche nelle nostre terre, moltiplicando i contagi, mandando centinaia di persone in quarantena e provocando anche la chiusura di...

Due mesi fa l’illusione era che fosse tutto finito o quasi. Settimane con zero contagi a Siena e nella sua provincia, passeggiate e chiacchiere in libertà senza mascherine e vacanze spesso sin troppo disinvolte. Come se il maledetto virus non fosse mai esistito o, comunque, potesse rimanere solo il brutto ricordo di una primavera vissuta al buio del lockdown. Poi, settimana dopo settimana, c’è stato il brusco risveglio, il richiamo alla realtà. Il Covid ha ricominciato a picchiare anche nelle nostre terre, moltiplicando i contagi, mandando centinaia di persone in quarantena e provocando anche la chiusura di classi e intere scuole.

Il dato di ieri fornito dall’Asl non lascia spazio alla fantasia: sono 19 i nuovi contagi, che portano a 125 il totale della settimana più nera di quella che ormai è la seconda ondata della pandemia. Il picco si è registrato venerdì, con 25 positivi, ma negli ultimi sette giorni non si è mai scesi sotto i dieci contagi segnalati dall’Azienda sanitaria in provincia. Ed è di ieri la notizia di due ricoveri: sono in ospedale una donna di 77 anni di Siena e un uomo di 51 anni di Colle Valdelsa. Proprio la Valdelsa, in questo momento, è la zona che appare con maggiori criticità, con quindici casi accertati nelle ultime 24 ore. criticità. Questo il dettaglio comune per comune.

Comune di sorveglianza Colle Valdelsa: donna di 48 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso; donna di 33 anni già in isolamento domiciliare, in quanto contatto di caso; donna di 48 anni già in isolamento domiciliare, indagine in corso; uomo di 48 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso; uomo di 87 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso; uomo di 51 anni ricovero extra Asl; Comune di sorveglianza Monteriggioni: donna di 29 anni già in isolamento domiciliare in quanto sintomatica rientrata da extra regione; donna di 33 anni già in isolamento domiciliare in quanto sintomatica, rientrata da extra regione.

Comune di sorveglianza Poggibonsi: ragazza di 16 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso; ragazzo di 18 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso; ragazza di 15 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso; ragazza di 15 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso ragazzo di 18 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso; donna di 52 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso.

Comune di sorveglianza Radicondoli: donna di 84 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso.

Comune di sorveglianza Radicofani uomo di 56 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di caso.

Comune di sorveglianza Siena: uomo di 40 anni già in isolamento domiciliare in quanto sintomatico; uomo di 53 anni già in isolamento domiciliare in quanto sintomatico; uomo di 71 anni già in isolamento domiciliare in quanto sintomatico; donna di 77 anni ricovero extra Asl.

Comune di sorveglianza Castelnuovo Berardenga: uomo di 58 anni già in isolamento domiciliare in quanto contatto di Caso, asintomatico.

R.Bor.