L’albero dei cittini. Doni per le "’Bollicine" portati dai cavalli

Fabio Verdiani (Chiocciola): "Un’iniziativa semplice ma intrisa di affetto". Carabinieri forestali in corteo con due monterufolini allevati a Radicondoli

L'albero dei cittini
L'albero dei cittini

Siena, 11 dicembre 2023 - "Un Natale molto semplice però di affetto", sintetizza Fabio Verdiani, presidente dei piccoli chiocciolini. Semplice perché è stata usata la fantasia degli addetti ai cittini delle 17 Contrade per fare l’albero nell’Entrone, di affetto per via del grande ’abbraccio’ da parte loro all’associazione e ai ragazzi delle ’Bollicine’. A cui sono stati donati i regali portati ieri mattina da Babbo Natale nel Cortile del Podestà, aiutato da due cavalli monterufolini allevati nell’azienda di Radicondoli dai carabinieri Forestali. Che infatti li hanno accompagnati durante il corteo dei piccoli da piazza Matteotti al Campo: qui, come mostra la foto a destra, si sono disposti in modo da formare un enorme albero di Natale vivente con il canto della verbena che si levava mentre sventolavano i fazzoletti delle Contrade.

"Un Natale all’insegna della semplicità e del divertimento – ribadisce Verdiani che ha tirato le fila dell’iniziativa con Gloria Burrini –, ciascuna Contrada ha portato il proprio simbolo non con lo stemma tradizionale ma con su disegnato il simbolo spiritoso dell’animale. Ringrazio il Comune per la collaborazione in quanto ci ha messo a disposizione l’albero di Natale, le luci, il personale. Un grazie al sindaco e all’ufficio tecnico, anche ai carabinieri forestali per la loro presenza con i cavalli".

Poteva mancare un dono sotto l’albero? "Daremo un contributo a Casa Rosmarina delle ’Bollicine’ regalando loro sette piumoni per i ragazzi che vivono lì ed un elettrodomestico che a loro serviva", spiegano Verdiani e Burrini prima della foto di gruppo sotto l’abete. "Credo che il valore delle Contrade sia un aspetto insostituibile della solidarietà e della ricchezza che Siena ha intorno al sociale e al terzo settore. Un immenso grazie – dice Letizia Cambi – perché si sono stretti intorno a questo grosso progetto che è Casa Rosmarino, aperta due mesi fa a all’Acquacalda".