Il bilancio del Comune di Arcola: "Evasione, recuperato un milione. Maxi-piano per le opere pubbliche"

L’amministrazione fa il punto dopo il via libera del consiglio al documento programmatico per il 2024. Risorse per la lotta al dissesto idrogeologico, per le scuole e le manutezioni di viabilità e territorio.

Il bilancio del Comune di Arcola: "Evasione, recuperato un milione. Maxi-piano per le opere pubbliche"

La sindaca Monica Paganini e gli assessori insieme ai consiglieri di maggioranza che hanno approvato il bilancio di previsione per il prossimo anno

Approvato il bilancio di previsione del Comune di Arcola, progetti per la sicurezza e per le scuole, in arrivo anche altre telecamer per rafforzare la vivibilità dei quartieri. Obiettivi raggiunti e da raggiungere, il lavoro è stato costante: "L’amministrazione ha presentato progetti per reperire risorse esterne dal Pnrr, regionali e statali – ha detto il vicesindaco Gianluca Tinfena in consiglio comunale – per portare a casa risultati sul territorio e si è impegnata nel recupero dell’evasione che nel 2023 è stato di 1 milione e 153 mila euro". Il bilancio di previsione 2024-2026 è stato approvato il 20 dicembre scorso con i voti dei consiglieri di maggioranza..

Gli aspetti più consistenti nel piano delle opere del 2024 sono 480 mila euro destinati agli interventi di mitigazione del rischio idraulico del canale di Ressora, 300 mila euro per via Aurelia. Da non dimenticare il grande progetto per l’età prescolare, un milione e 300 mila euro per la costruzione del nuovo polo dell’infanzia di piazza due Giugno. Inoltre il Comune può contare su un contributo regionale di 858 mila euro per la viabilità di via XXV Aprile e via Giovato, e un contributo statale di 90 mila euro per la riqualificazione dei borghi.

Attivati anche dei mutui: 110 mila euro per la manutenzione stradale, 20 mila per i cimiteri, 130 mila per la manutenzione degli immobili pubblici, comprese le scuole, 160 mila per strade e parcheggi, 15 mila euro per la regimazione delle acque meteoriche e altri 15 mila per le aree attrezzate per i bambini. Dal punto di vista delle uscite stanziati 125 mila euro per i borghi e il cantonieraggio del territorio, la cifra è più alta rispetto all’anno scorso, più che raddoppiata a tre anni fa. Per le manutenzioni generali sono stati stanziati 68 mila euro e per la pulizia dei canali 58 mila, una somma in continuità con gli anni precedenti. 35 mila euro saranno impegnati per le nuove telecamere che saranno installate nei punti critici e nevralgici del territorio comunale, dove il controllo sarà attraverso l’installazione di strumenti elettronici (velox e telecamere), ma anche con azioni di pattugliamento.

Importante il lavoro nell’ambito sociale: "Il settore delle politiche sociali – ha detto la sindaca Monica Paganini – ha avuto sempre un ruolo di primo piano per il nostro Comune. Anche per il 2024 l’amministrazione ha messo in campo risorse e servizi finalizzati al supporto delle fasce deboli: emergenza abitativa e alla morosità colpevole rivolta a cittadini in stato di bisogno e di evidente difficoltà. Arcola è stato riconosciuto Comune amico della famiglia". E in sede di approvazione del bilancio i consiglieri hanno parlato anche del rilancio del territorio: saranno in programma nuove aperture del Map il Museo Arti e Paesaggi, presentazioni di libri, concerti, mostre, eventi di tradizione, Festival culturali, incentivi allo Sport e alla vita negli spazi pubblici a 360 gradi per favorire la socialità e la creatività, con un occhio di riguardo per la promozione delle aziende agricole del territorio.

Cristina Guala