I volontari insegnano a contenere il pericolo

La campagna ’Io non rischio’ lanciata dalla Protezione civile ieri a Sarzana in piazza Matteotti. Oggi appuntamento a Luni.

Le buone pratiche per contenere il pericolo. Contro le bizze del tempo anche un attegiamento consapevole e corretto partendo ad esempio dalla corretta gestione delle proprie abitazioni, dalla costante manutenzione dei giardini e terreni può rivelarsi fondamentale per diminuire il danno e comunque agevolare anche l’intervento delle squadre dei volontari della Protezione Civile e vigili del fuoco. Piccole azioni di autotutela sono fondamentali non soltanto in caso di emergenza ma per tutto l’anno e per questo la settimana, a livello nazionale, è stata improntata proprio sulla campagna "Io non rischio" lanciata dal dipartimento della Protezione Civile. Ieri la campagna informativa si è conclusa a Sarzana e oggi invece sarà ancora aperta a Luni.

Ieri mattina in piazza Matteotti all’iniziativa che ha visto impegnati i volontari della squadra del Comune di Sarzana oltre alla sindaca Cristina Ponzanelli e l’assessore competente Stefano Torri erano presenti l’assessore regionale alla protezione civile Giacomo Raul Giampedrone e la senatrice Stefania Pucciarelli. In piazza sono stati mostrati ai visitatori i mezzi a disposizione del gruppo e soprattutto sono stati suggeriti importanti comportamenti da tenere non soltano al diramare dell’allerta meteo. Gesti che ogni singolo cittadino può mettere in pratica per evitare problemi e pericoli e non gravare sul lavoro della macchina dei soccorsi in caso di altre priorità.

Anche il Comune di Luni conclude oggi la due giorni di incontri avviata ieri in piazza a Serravalle. Oggi, domenica, il gruppo comunale della Protezione Civile e antincendio boschivo sarà invece presente per incontrare i cittadini in piazza XXV Aprile.

m.m.