Gli arbitri pratesi festeggiano i primi 50 anni. Serata speciale fra storia, premi e futuro

A Villa Guicciardini 300 persone per celebrare il mezzo secolo della sezione Aia di Prato, nata nel 1973 dopo l’addio a Firenze

Tutti i presidenti della sezione Aia, insieme al presidente nazionale Pacifici

Tutti i presidenti della sezione Aia, insieme al presidente nazionale Pacifici

Prato, 13 dicembre 2023 – La sezione pratese dell’Aia ha festeggiato 50 anni a Villa Guicciardini a Cantagallo. Fra gli invitati c’erano anche i vertici nazionali, come il presidente Carlo Pacifici e il designatore degli arbitri di serie A e B Gianluca Rocchi. Una serata, quella organizzata dal numero uno di Aia Prato Francesco Santi (coadiuvato dalla consigliera Agata Gigismondo e dal vicepresidente Nicola Stefanini) che ha visto circa 300 partecipanti. Durante la cerimonia sono stati ripercorsi (anche grazie ai ricordi degli ex -presidenti Marcello Gabbrielli ed Enzo Moschi) i passaggi legati alla nascita e allo sviluppo della sezione pratese dell’associazione, che ha tagliato il traguardo del mezzo secolo di attività e conta oggi poco meno di 200 associati.

Era infatti il 1973 quando alcuni giovani arbitri pratesi decisero di abbandonare la sezione Aia di Firenze per fondare la nuova realtà, con sede in piazza del Collegio. Fra i promotori Rodolfo Galleni, Otello Fantaccini, Alberto Martini, Piero Giusti, Stefano Becherucci ed Umberto Mati, per una sezione che negli anni è stata capace di formare direttori di gara di livello internazionale quali Stefano Braschi ed Andrea Lastrucci, per arrivare all’astro nascente Deborah Bianchi. Oggi i fischietti pratesi sono rappresentati in serie A da Alesso Berti, mentre i vari Samuele Andreano, Mattia Nigro, Edoardo Mazzoni e Simone Piazzini si stanno ben disimpegnandosi nelle categorie inferiori. Per quanto riguarda invece il futsal, Fabio Parretti, Mattia Landi e Lorenzo Lupori sono arbitri ormai affermati nella massima divisione nazionale.

La serata si è conclusa con una serie di premiazioni: Niccolò Nannucci ha ricevuto un riconoscimento come miglior arbitro Ots, mentre Gianluca Boeddu è stato premiato come miglior fischietto Otr pratese. Menzione anche per l’osservatore Riccardo Fusi: a lui il premio "Riccardo Salvetti".

«Sono stanco ma felice perché questa ricorrenza cade in un momento non facile per la nostra città, che si sta ancora rialzando dopo l’alluvione – ha detto Santi – ringrazio i dirigenti e il consiglio che mi stanno accompagnando dall’inizio di questa avventura sostenendomi, consigliandomi quotidianamente. E tutti gli associati come quelli che oggi sto rappresentando con orgoglio".

Giovanni Fiorentino