Vaccinazioni dai medici di famiglia. Antinfluenzale e anti covid al via

Domani parte la campagna stagionale negli ambulatori dei dottori di medicina generale. Abilitate alla somministrazione anche le farmacie del territorio. Ecco chi potrà ricevere il siero gratuitamente .

Vaccinazioni dai medici di famiglia. Antinfluenzale e anti covid al via

Vaccinazioni dai medici di famiglia. Antinfluenzale e anti covid al via

La campagna vaccinale, quella antinfluenzale e quella contro il Covid-19, entra nel vivo. Da domani partirà la somministrazione negli ambulatori dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta alle persone con almeno sessanta anni di età o che rientrano nell’elenco dei soggetti a cui il Ministero ha raccomandato la vaccinazione: ovvero, in sintesi, soggetti ad elevata fragilità di qualsiasi età, anziani, cargiver di persone fragili, operatori sanitari e sociosanitari, donne in gravidanza. A tutti loro viene proposta ed offerta la doppia vaccinazione.

Non solo: chi lo desidera potrà ricevere le vaccinazioni, sia contro l’influenza che anti covid, nelle farmacie del territorio, abilitate ormai da tre anni nella somministrazione delle dosi.

Alla Zona distretto pratese sono destinate 54.554 dosi, poi assegnate ai dottori di famiglia: 37.550 dosi di vaccino antinfluenzale tetravalente non adiuvato; 12.370 dosi di vaccino antinfluenzale tetravalente adiuvato; 1.124 dosi di vaccino antinfluenzale tetravalente alto dosaggio e altre 1.000 dosi per eventuali esigenze dovute a variazione del numero di assistiti che abbiano diritto alla somministrazione. Il siero sarà distribuito attraverso le farmacie del territorio. Insieme all’iniezione contro il male di stagione, i professionisti possono somministrare anche quella contro il coronavirus.

"Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta sono un perno fondamentale delle campagne di vaccinazione, da sempre. Il loro apporto è stato fondamentale nella costruzione di una cultura della prevezione, oltre ad aver avuto un ruolo chiave durante la fase della pandemia. L’avvio della somministrazione negli ambulatori segnerà un passaggio significativo per la campagna", commentano il presidente della Toscana Eugenio Giani e l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini.

L’andamento dei casi Covid in Toscana è in linea col resto d’Italia. "La situazione è sotto controllo, ma non dobbiamo abbassare la guardia e raccomandiamo l’adesione alla vaccinazione", dice l’assessore.

La vaccinazione da parte di medici di famiglia e pediatri di libera scelta si aggiunge a quella iniziata il 2 ottobre nei centri vaccinali (con prenotazione sul portale on line) e nelle Rsa. Per tutti vengono utilizzati vaccini con una nuova ed aggiornata formulazione, a mRna e proteici.