"Un Prato di libri" recupera il tempo sospeso con una grande festa al Castello dell’Imperatore. Martedì 30 giugno, dalle 18, prende il via fra le mura della fortezza "Ma che bel castello saluti e baci da un Prato di libri", un momento gioioso che vede insieme grandi e piccoli per condividere letture sul prato, canzoni, racconti e un pomeriggio di svago e allegria, il tutto legato a doppio filo dalla passione per i libri e la lettura....

"Un Prato di libri" recupera il tempo sospeso con una grande festa al Castello dell’Imperatore. Martedì 30 giugno, dalle 18, prende il via fra le mura della fortezza "Ma che bel castello saluti e baci da un Prato di libri", un momento gioioso che vede insieme grandi e piccoli per condividere letture sul prato, canzoni, racconti e un pomeriggio di svago e allegria, il tutto legato a doppio filo dalla passione per i libri e la lettura. Bloccato dall’emergenza sanitaria, con alcuni appuntamenti rimandati in autunno e altri cancellati, "un Prato di libri", il festival della lettura under 18 prova a rialzare la testa e dà un assaggio della forza del suo messaggio con una festa aperta a tutti. Protagonisti del ricco pomeriggio, oltre al pubblico partecipante, i volontari dell’associazione il Geranio che da 8 anni organizza la rassegna e alcuni amici del festival da sempre presenti nelle diverse edizioni. Dopo i saluti ‘istituzionali’ e un doveroso e sentito ringraziamento a tutti i Comuni della provincia che sostengono sui loro territori la rassegna, spazio allo scrittore e musicista Stefano Bordiglioni, autore di tante pubblicazioni per bambini e di esilaranti e creative composizioni musicali in cui note e parole si intrecciano sulle labbra dei più piccoli per dare voce a filastrocche e canzoni.

Sarà invece lo scrittore Roberto Parmeggiani a presentare "il Vessillo Rodariano", la bandiera ispirata a Gianni Rodari e a Bruno Munari, ideata e realizzato da Fabio Giusti di Trafi Creatività tessile, che avrebbe aperto il cammino letterario fra Prato e Bologna, in programma a marzo e rimandato, lungo la Via della Lana e della Seta. Vessillo che avrebbe portato il festival alla Fiera internazionale del libro di Bologna. Gran finale alle 19.30 con letture ad alta voce. La capienza del Castello è ampia, ma il distanziamento fisico richiesto riduce drasticamente il numero dei posti disponibili. Per partecipare è obbligatoria la prenotazione a unpratodilibri@gmail.com. "un Prato di libri" è promosso da Il Geranio onlus con il contributo e patrocinio di Regione Toscana, Provincia di Prato, Comune di Prato e tutte le amministrazioni comunali della Provincia (Montemurlo, Vaiano, Vernio, Cantagallo, Poggio a Caiano e Carmignano).