"Tesoretto" Multiutility. Cinque milioni al Comune

Tanti i soldi che entreranno nelle casse comunali grazie all’operazione. Il tema trattato in commissione Bilancio oggi arriva in consiglio comunale.

"Tesoretto" Multiutility. Cinque milioni al Comune

"Tesoretto" Multiutility. Cinque milioni al Comune

Un milione subito e quattro nella prossima variazione di bilancio per un tale di cinque milioni. È il tesoretto che entra nella casse del Comune grazie all’operazione Multiutility, la maxi holding dei servizi pubblici nel quale è entrata l’amministrazione attraverso le quote di Publiacqua, Estra, Alia e Consiag. Entro l’anno la giunta Biffoni approverà il bilancio preventivo 2024 che ha portato a scoprire il tesoretto da cinque milioni. I consiglieri ne hanno discusso in commissione Bilancio presieduta da Lorenzo Tinagli (Pd) e passerà al vaglio del consiglio comunale per l’approvazione. A maggio la società ha deliberato la distribuzione straordinaria di un dividendo di oltre 22 milioni di euro di cui circa il 18% spetta al Comune di Prato ed ecco che in questa variazione autunnale sono stati inseriti i corrispondenti 4 milioni di euro per un totale di 5. Un tesoretto che riempie le casse comunali e che ha già una destinazione decisa. I soldi saranno utilizzati per il parco centrale che nascerà al posto del Misericordia e Dolce. Dopo intoppi e ritardi il progetto è pronto a partire.

Per il primo anno di consolidamento della maxi società dei servizi pubblici erano stati stimato ricavi per 700milioni, un margine operativo lordo di 170 milioni di euro e altrettanti, all’anno, per gli investimenti. Le efficienze annue ammontano a oltre 70 milioni di euro ottenute soprattutto dal taglio alle esternalizzazioni. A breve dovrebbe arrivare a termine anche il percorso partecipativo intrapreso per dare un nuovo nome alla società di cui il Comune di Prato è entrato fin da subito a fare parte.