Prato, 27 marzo 2019 - "La donna arrestata dopo atti sessuali con un minore poteva reiterare il reato e inquinare le prove". Questi i motivi dell'arresto ai domiciliari della trentunenne per la quale da giorni Prato è sotto choc. Il Dna ha confermato che il figlio avuto dalla donna nell'agosto dello scorso anno non è del marito ma appunto del ragazzo a cui lei, operatrice sanitaria, impartiva ripetizioni in materie scientifiche. Nell'ambito dell'inchiesta, è stato indagato anche il marito.

Sono contestati alla donna, dice il procuratore capo di Prato Giuseppe Nicolosi, sia gli atti sessuali con minore in un primo momento, ovvero quando impartiva le ripetizioni, tra la primavera e l'estate del 2017.

Poi, in un secondo momento, la violenza sessuale: è avvenuta quando il ragazzo non voleva più vedere la donna ma lei lo costringeva dicendogli via whatsapp che si sarebbe uccisa se lui non l'avesse incontrata. Gli incontri in questo caso, riferisce il procuratore, sarebbero accaduti a casa della signora. Il ragazzo aveva in quel periodo 14 anni.

 I contatti tra la donna e il minore sono confermati dal grande volume di messaggi whatsapp che la procura ha potuto esaminare, con date e orari. Si tratta di 170 pagine stampate di messaggi.

E si arriva poi ai motivi per cui è scattato l'arresto ai domiciliari. C'è il pericolo di inquinamento delle prove. "Ci sono stati tentativi di contattare il ragazzo, da parte della donna, dopo l'apertura dell'inchiesta", dice il procuratore. "Inoltre dall'analisi dei computer abbiamo visto che la donna ha frequentato siti pedopornografici e ha inoltre contattato altri minori -  spiega ancora - Riteniamo che avrebbe potuto reiterare il reato". 

Adesso ci sarà un'ulteriore analisi di questa mole di dati e l'audizione, con i modi e i termini ovviamente consoni a un caso così delicato, dell'adolescente.