Un ospedale (foto repertorio)
Un ospedale (foto repertorio)

Prato, 31 luglio 2018 - Sono stati 261 gli accessi al pronto soccorso a causa del caldo nella giornata di domenica. Una media stagionale – dicono dall’Asl – con 35 ricoveri e 179 persone rimandate a casa. Un numero, comunque, molto altro se si pensa a quelli degli ospedali vicini, ad esempio a Pistoia gli accessi sono stati 157 e al San Giovanni di Dio a Firenze 108.

Numeri che potrebbero salire nei prossimi giorni quando è prevista una intensificazione dell’afa come si legge nel bollettino diramato dalla protezione civile e dal ministero della Salute. I prossimi giorni sono considerati ad alto rischio per le ondate di calore che raggiungeranno i massimi livelli passando dal livello 2 con codice arancione di oggi a livello 3 con codice rosso di domani.

«L’azienda ha già attivato le proprie strutture a partire dalle centrali operative 118, oltre ai dipartimenti di emergenza e area critica e della rete sanitaria territoriale al fine di garantire la massima operatività dei servizi e l’assistenza ai cittadini, in particolare a coloro che sono in maggiore difficoltà e in condizione di fragilità». Su tutto il territorio saranno monitorati i pazienti ad alto rischio: in particolare anziani e bambini in condizioni di fragilità che usufruiscono già dell’assistenza domiciliare.

Come sempre l’Asl ricorda quelli che sono i consigli da seguire per evitare danni alla salute. Prima di tutto è importante bere molto, mangiare in modo leggero, evitando cibi grassi e inserendo nella dieta abituale frutta e verdura fresca, non uscire nelle ore più calde (dalle 11 alle 17), rimanere a casa, fare un corretto uso dei condizionatori.