Addio a Bresci, storico volontario: "Un uomo con un grande cuore"

Abitava a Oste ed era impegnato in varie associazioni. Il ricordo del sindaco: "Ci mancherà il suo sorriso"

Addio a Bresci, storico volontario: "Un uomo con un grande cuore"

Fabrizio Bresci con il sindaco Calamai

Lo storico volontario di Oste, Fabrizio Bresci, 63 anni, è morto all’ospedale di Careggi a Firenze, dove si trovava ricoverato da qualche giorno.

Bresci era molto conosciuto a Montemurlo ed era impegnato in varie associazioni. A darne la notizia con grande rammarico è il sindaco Simone Calamai, legato a Fabrizio Bresci da una decennale amicizia: "Era una persona brava e buona, con un grande cuore. Un uomo sempre disponibile, attivo e sempre pronto a portare il proprio contributo alla vita della comunità. A nome del Comune, mi stringo al figlio Daniele e alla moglie Patrizia in questo momento di dolore. Fabrizio, con il suo sorriso e la sua benevolenza, ci mancherà molto". Nato a Prato, aveva sempre vissuto a Oste di Montemurlo, Bresci aveva lavorato a lungo nel settore sportivo al palazzetto dello sport Estra di Maliseti. Era molto attivo nell’associazionismo della frazione di Oste nel Gruppo Storico per l’organizzazione del Corteggio, nel circolo Arci Nuova Europa, nel Comitato Noi Insieme per la manifestazione "A spasso con l’Oste" e nella Pro Loco ed era amico del presidente del Comitato Noi Insieme e Pro Loco, Lorenzo Scrozzo. La salma è esposta alle cappelle della Misericordia di Oste. Il funerale si celebrerà nella chiesa di Oste in piazza Amendola domani alle 9.30.

Il sindaco Calamai in occasione delle celebrazioni dei defunti ci tiene ad esprimere un pensiero a coloro che in questi giorni si recheranno ai cimiteri: "In questi giorni così particolari, attraverso il ricordo di Fabrizio, mi stringo anche a tutti coloro che saranno sulla tomba dei propri cari per onorare la memoria delle persone che ci sono state vicine e che ora non ci sono più. Un pensiero va anche alle zone martoriate dalla guerra, l’Ucraina, la Palestina e Israele in particolare, affinché sull’odio possano prevalere l’umanità e il rispetto e si arrivi presto alla pace".