Negozi tra acqua e fango: "Offriamo ogni supporto"

Cna: "Siamo a fianco delle a piccole e medie imprese artigiane danneggiate". Tante le richieste di aiuto soprattutto da Marina di Pisa, Pontedera e San Miniato.

Tante le richieste di aiuto di artigiani e negozianti colpiti dalla tempesta che per cinque ore, tra il 2 e il 3 novembre, ha martellato senza sosta la provincia di Pisa che è stata al centro della linea di fuoco di acqua e fulmini. Cna Pisa, fin dalle prime ore di ieri – spiega una nota – "segue con grande attenzione gli sviluppi della forte ondata di maltempo che sta in queste ore coinvolgendo la nostra provincia e, più in generale tutta la Regione". L’associazione di categoria pisana è stata impegnata in tutta la giornata a contattare e ad offrire, attraverso i suoi uffici, supporto e indicazioni ai tanti imprenditori e artigiani colpiti dal nubifragio e dalle conseguenze causate dall’emergenza maltempo. Le maggiori richieste sono arrivate dal litorale, in particolare da Marina di Pisa, da Pontedera dove in zona Cineplex d un fotografo ha avuto il laboratorio e lo studio fotografico completamente allagati. Oltre allo studio fotografico anche un’agenzia di comunicazione – si apprende – ha riportato danni. E, ancora da Pontedera, acqua e fango hanno interessato una sartoria, il laboratorio e la rivendita,un esercizio di abbigliamento e store moda. Nella città della Vespa anche la sede Cna in via Brigate Partigiane ha riportato danni e ieri sono entrate in funzione le idrovore per la pulizia e il ripristino della sicurezza. A Marina di Pisa, le richieste di aiuto sono arrivate da attività di ristorazione in via Maiorca e lungomare, pescheria, pizzeria e alimentari e parrucchieri sempre sul litorale. Inoltre criticità e danni sono stati registrati anche da panifici e cioccolaterie.

"Siamo vicini alle piccole e medie imprese artigiane che hanno riportato danni a causa della pioggia e del forte vento. E’ per questo gli uffici di Cna Pisa sono aperti e a disposizione degli imprenditori e delle loro aziende per sostegno ed aiuto – spiega la nota –. Come prima cosa, per provare a calmierare i danni, abbiamo offerto un supporto operativo per capire anche, anche attraverso una prima valutazione sommaria, l’entità dei danni riportati".

Infine, dice Cna Pisa, in attesa di capire se sarà possibile ricevere sostegni e rimborsi per i danni riportati, Cna Pisa ricorda che per "rendicontare i danni subìti e richiedere, se sarà possibile, indennizzi è necessario: documentare fotograficamente i danni subìti nonché fotografare e rendicontare anche gli oggetti che sono da buttare. Al tempo stesso è opportuno conservare accuratamente foto e video realizzati insieme a fatture e scontrini relativi ai nuovi indispensabili acquisti quali utensili e oggetti da lavoro. L’associazione di categoria pisana resterà a supporto delle aziende e degli artigiani per fronteggiare queste drammatiche ore". Nelle quali il maltempo continua a minacciare la zona. C’è allerta fino alle 15 di oggi. E comunque, pur meno intense, piogge anche la prossima settimana. Mentre si contano i danni e si lavora per un faticoso ritorno alla normalità.