La squadra di Andreoli: "Alternativa ai partiti e davvero competente"

La lista civica si presenta con Minneci, Vallini e l’avvocato Carloni "Abbiamo rappresentanti in ogni frazione e quartiere: è fondamentale".

La squadra di Andreoli: "Alternativa ai partiti e davvero competente"

Alberto Andreoli ha presentato ieri la sua squadra

La terza via, l’alternativa civica ai partiti. Si presenta così Alberto Andreoli, consigliere comunale e candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative dell’8 e 9 giugno per il gruppo Presidio Civico. Dopo aver lanciato nelle settimane scorse la sua candidatura a sindaco, Andreoli ieri ha presentato anche i primi volti che lo accompagneranno in questi tre mesi di campagna elettorale e una parte del suo comitato elettorale che poi andrà a comporre la lista. Con Andreoli ci sono Roberta Minneci, già in prima fila nella lotta per la difesa del Parco Bellaria e del Parco Gemma, il professor Giovanni Vallini, l’ingegner Loriano Cecconi, l’avvocato Lisa Carloni, il ragioniere commercialista Stefano Vallini, l’insegnante Oriana Merolla, l’ingegnere Marco Turini e poi Federico Pugi, allenatore di basket ed esperto di sport, Raffaele Zagaglia, Luca Vaglini, Rosanna Commini e Giovanni Imparato.

"Abbiamo riunito persone adatte a formare la nostra lista civica, che sia esauriente sia per competenze che per la sua copertura in tutto il territorio comunale, in modo che tutti i cittadini di tutte le frazioni e i quartieri possano sentirsi rappresentati". Perché per Andreoli è proprio questo che è venuto a mancare in questi ultimi anni. "Tempo fa – spiega Andreoli – facevo parte della consulta del centro città e con l’esperienza ho constatato che questo strumento che dovrebbe fare da cerniera tra i cittadini e l’amministrazione comunale, purtroppo non funzionava. Inoltre quei tavoli tematici che erano stati lanciati dal sindaco nella scorsa campagna elettorale e che dovevano essere aggiornati ogni 6 mesi non si sono più visti, salvo rivederli adesso, di nuovo in una campagna elettorale. Ecco che in questi anni si sono venuti a creare molti comitati spontanei di cittadini. Penso al comitato Forza Dnp a difesa della piscina comunale, del comitato Megafono Aziende per tutti i problemi della zona industriale di Gello, il comitato Parco Bellaria, il comitato Salviamo il Parco Gemma. Insomma i cittadini si sono sentiti inascoltati e quindi costretti ad unirsi in comitati. Ecco perché è nato Presidio Civico, un presidio a tutela e protezione dove la classe politica ha fallito". Andreoli ha poi elencato tutte le battaglie portate avanti in questi anni attraverso 52 mozioni presentate.

"Dalla lotta al Keu al consumo di suolo al Chiesino e nella zona dei cimiteri, dalla situazione disastrata delle strade all’ampliamento della discarica di Gello e poi la Fondazione Cultura, i tanti immobili all’asta, la piazza dietro al Duomo mai realizzata, sono tante le situazioni critiche che potevano essere evitate o gestite meglio" dice Andreoli, che da domani, con la prima "Camminata civica" (alle 11 dalla scuola Pascoli), inizierà il suo percorso di ascolto tra le vie della città e delle frazioni.