Giovanni Galli
Giovanni Galli

Firenze, 9 agosto 2020 - Il portierone della Fiorentina, della Nazionale e del Milan (ed ex candidato sindaco di Firenze nel 2009 contro Renzi) Giovanni Galli torna in campo. Con la maglia della Lega, ma "da indipendente" tiene a sottolineare. Sarà capolista nel collegio Firenze città. Un nome pesante, di sicuro richiamo. Giovanni Galli è commentatore sportivo (Radio Rai e Lady radio), opera da tantissimi anni nel sociale con la onlus in ricordo del figlio Niccolò, fa parte del vertice di una società sportiva (Affrico a Firenze). Insomma un colpo a sorpresa, come aveva preannunciato Salvini venerdì sera a Firenze ("Abbiamo nomi eccellenti con noi"). "Ho fatto tesoro dei cinque anni da consigliere comunale – ha detto Galli – sono onorato della valanga di preferenze che i fiorentini mi dettero. Adesso è venuto il momento di dare una mano alla mia Toscana: sono nato a Pisa, vivo a Firenze, sono in Garfagnana in vacanza, in Versilia sono di casa. Bisogna mobilitarsi per far emergere il merito che in questa regione esiste, ma che il sistema consolidato di potere non favorisce. E’ il momento in cui l’alternanza del cambiamento si manifesti per dare una svolta alla nostra regione. Io sono pronto".

GALLI: "IO, IN CAMPO PER CAMBIARE" (qui l'intervista)

FIORENZA: "PRIORITÀ ALLE INFRASTRUTTURE" (qui l'intervista)

Novità anche nella lista civica pro Ceccardi. Giorgio Fiorenza, giudice tributario, già commissario per la "Tirrenica": sarà lui il capolista di Toscana Civica, la lista a sostegno di Susanna Ceccardi nella corsa a presidente della Toscana. Ha detto sì ieri. Poche ore prima aveva ricevuto la telefonata di Matteo Salvini e Susanna Ceccardi. "Mi ha fatto molto piacere che abbiano pensato a me" dice soddisfatto. "Mi piace lavorare per la Toscana. Deve tornare ad essere la locomotiva d’Italia. A partire dalle infrastrutture". Il progetto nel cassetto? "La rivoluzione urbanistica nella zona stadio". Con lui negli altri collegi toscani Awatif Sadouk, a Pisa, islamica, avvocata marocchina, che si batte per i diritti dei migranti. Si sciolgono le riserve anche per le liste del Carroccio sotto la regia del coordinatore regionale Daniele Belotti. Tra i candidati della Lega spiccano a Lucca Elisa Montemagni, capogruppo regionale, Massimiliano Baldini, Fausto Trivella, primario dell’ospedale di Lucca. A Prato il coordinatore leghista Gabriele Genuino, Daniele Spada, Patrizia Ovattoni, Emilio Paradiso, Diletta Bresci, Elena Chiti. A Pistoia la consigliera uscente Luciana Bartolini, Sonia Pira e Alessio Bartolomei.
 

A Firenze Jacopo Alberti, portavoce dell’opposizione in consiglio regionale (si parla con insistenza di un passaggio di Marco Stella da Forza Italia che potrebbe concretizzarsi nelle prossime ore). E poi a Pisa Gianna Gambaccini, assessore comunale, il consigliere Alessandro Bargagna e il segretario Gabriele Gabriellini, la cascinese Elena Meini; a Grosseto il segretario Andrea Ulmi; ad Arezzo Marco Casucci; a Siena Riccardo Galligani; a Massa Emanuele Canepa; a Livorno Costanza Vaccaro, il consigliere uscente Roberto Biasci, Marco Landi, Eleonora Baldi, Massimo Ciacchini e Gabriella Pacciardi.