L’imprenditore Renzo Biagini è montalese e ha 71 anni
L’imprenditore Renzo Biagini è montalese e ha 71 anni

Pistoia, 10 settembre 2019 - Ha sede a Montale, in via Vasco Topazzi, l’azienda regina delle spazzole, la Toscana Spazzole Industriali di Renzo Biagini, dominatrice assoluta del mercato nazionale, presente in Cina con un ufficio a Shanghai e con clienti in quattro continenti. Renzo Biagini, 71 anni, montalese, ha fatto il tornitore per 11 anni prima di intuire le potenzialità delle spazzole, 36 anni fa, e creare un autentico gioiello imprenditoriale. Le spazzole industriali hanno molteplici impieghi, dalle macchine tessili a quelle della carta, dal trattamento della pelle alla depurazione delle acque. «Chi viene da noi – assicura Renzo Biagini - non va mai via senza la spazzola che gli serve, siamo come i pizzaioli, che fanno le pizze a seconda dei gusti del cliente».

Massima flessibilità e massima innovazione sono le parole d’ordine, ma l’anima della ditta è l’inventiva e la curiosità di Renzo Biagini. Dopo 36 anni di attività gli si illuminano ancora gli occhi mentre spiega le virtù delle sue spazzole: cilindri di diverse lunghezze, predisposti a fare 1.500 giri al minuto, rivestiti da una fitta chioma di ciuffi con filamenti di diversi materiali, dal nylon con carburo di silicio fino al crine di cavallo. Biagini ci presenta un gruppo di studenti di ingegneria dell’Università di Pisa impegnati in uno stage in azienda che sono accompagnati dal loro docente Gualtiero Fantoni. «Questa è una ditta veloce e sveglia – dice l’ingegner Fantoni – aperta a fare cose nuove, sia nel campo dei prodotti che dei processi, per questo l’università ci collabora volentieri». La ricerca tecnologica è da sempre la stella polare di Renzo Biagini. «Molte macchine me le ha progettate l’ingegner Alvaro Ariani – spiega l’imprenditore montalese – quello che ha inventato anche l’autovelox. Io gli propongo un problema o un’idea e lui progetta». 

Renzo conduce l’azienda con la collaborazione dei figli Silvia e Lorenzo. «E’ un’ eccellenza montalese – assicura Enzo Gazzarri coordinatore di Confartigianato a Montale – che fa onore alla comunità». Il nuovissimo stabilimento di Montale, dove l’azienda si è trasferita nel gennaio scorso dalla sede di Montemurlo, è perfettamente antisimico e autosufficiente dal punto di vista energetico grazie ai pannelli fotovoltaici. Al piano superiore c’è il laboratorio «top-secret» dove si sperimentano le idee nuove e l’ufficio del titolare. Ma Renzo Biagini ci tiene soprattutto a mostrarci i locali per i dipendenti «perché voglio che questi ragazzi abbiano ambienti confortevoli».