Pistoia, riapre il punto prelievi in ospedale. Dopo i tanti disagi si torna a regime

Lunghe attese nei giorni nel presidio del centro che ha ripreso l’attività. L’Asl spiega che è stato necessario ridurre il numero di appuntamenti Il nuovo sistema di gestione: tutto digitale, con il fascicolo elettronico

Pistoia, 3 luglio 2024 – Sono stati giorni impegnativi nel punto prelievi dell’ospedale del Ceppo. L’unico in cui è possibile accedere anche senza aver preso appuntamento, a causa dell’intenso flusso di accessi, ha portato diversi cittadini ad attese estenuanti che hanno sfiorato persino le due ore.

In tanti hanno sperimentato le lunghe attese e la causa a quanto pare era tutta nel trasferimento ad un nuovo sistema gestionale del laboratorio. Lo specifica anche in una nota l’Asl Toscana centro che spiega come il processo sia ormai quasi concluso.

Un laboratorio in una immagine di repertorio. All'ospedale di Pistoia torna il punto prelievi dopo una serie di disagi
Un laboratorio in una immagine di repertorio. All'ospedale di Pistoia torna il punto prelievi dopo una serie di disagi

"Questa delicata fase di avvio e di messa a regime ha imposto di ridurre parzialmente gli appuntamenti disponibili e l’Azienda si scusa ancora con i cittadini per i possibili disagi".

L’azienda Asl fa comunque sapere che i numeri del lavoro svolto sono alti: durante la fase di avvio dal 17 al 30 giugno , infatti, il laboratorio ha eseguito 194.000 esami. L’attività dei punti prelievo sia nella Zona di Pistoia sia della Valdinievole che nella Montagna pistoiese, sarà ripresa gradualmente fino a tornare a pieno regime, come spiegato sempre dall’Asl, attraverso le direzioni delle Zone Distretto e delle Società della Salute di Pistoia e della Valdinievole oltre alla direzione dello stesso Laboratorio Analisi.

Il passaggio, ha ricordato l’azienda, sta impegnando da mesi varie figure professionali coordinate da un Comitato Direttivo specificamente nominato. In questa delicata fase di avvio e messa a regime è stato attivato un presidio costante da parte dei professionisti che in questi mesi hanno lavorato al progetto.

"L’attivazione del nuovo sistema gestionale è un obiettivo nazionale di integrazione dei fascicoli Sanitari Regionali ovvero il nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0 che darà la possibilità di usufruire da ogni ambulatorio presente sul territorio nazionale delle informazioni contenute nel proprio fascicolo sanitario elettronico (vaccinazioni, referti di radiologia, esenzioni)".

Si tratta di un obiettivo importante come chiarisce l’azienda. "La diffusione del nuovo sistema di gestione del Laboratorio di Analisi su tutto il territorio aziendale rappresenta un elemento strategico anche per la piena integrazione tra i servizi ospedalieri e territoriali; si tratta dell’introduzione di tecnologie digitali innovative. Il Laboratorio di Analisi, infatti, è l’elemento chiave per l’erogazione delle prestazioni richieste dai medici di famiglia, dagli ambulatori, dai reparti ospedalieri e dai pronto soccorsi".

M.M.