Quotidiano Nazionale logo
5 mag 2022

Ordine, Asl e Stato contro il dottor no vax Ma lui si difende: "Solidarietà dai pazienti"

Il caso dei falsi green pass. Il gip ammette la costituzione delle parti civili. Calvani resta ai domiciliari: "Ho la comprensione di tanti colleghi"

Il dottor Federico Calvani, 69 anni, insieme all’avvocato Stefano Panconesi. Calvani è agli arresti domiciliari dallo scorso 31 dicembre
Il dottor Federico Calvani, 69 anni, insieme all’avvocato Stefano Panconesi. Calvani è agli arresti domiciliari dallo scorso 31 dicembre
Il dottor Federico Calvani, 69 anni, insieme all’avvocato Stefano Panconesi. Calvani è agli arresti domiciliari dallo scorso 31 dicembre

Rischia una condanna fino a cinque anni di reclusione il dottor Federico Calvani, medico della montagna pistoiese, accusato di aver gestito un giro di finte vaccinazioni, per il rilascio di falsi green pass. Un passaparola che avrebbe coinvolto no vax provenienti anche da Prato, Lucca, Pisa. Il dottore è accusato di falso ideologico informatico, per l’inserimento di falsi dati sanitari nel sistema regionale, di peculato, per aver disperso le dosi di vaccino ricevute, e di truffa ai danni dello Stato, per aver intascato l’indennità come medico vaccinatore, infine di corruzione (in alcuni casi, per aver ricevuto una piccola "mancia" dai pazienti a cui elargiva i favori). Ieri l’udienza davanti al gip Patrizia Martucci. A costituirsi parti civili per il danno di immagine e per quello patrimoniale l’Asl Toscana Centro, rappresentata dall’avvocato Paola Bertoncini, la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero della Salute, rappresentati dall’avvocatura Distrettuale dello Stato di Firenze, e l’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO) di Pistoia, rappresentato dall’avvocato Andrea Niccolai. Un’udienza breve, nella quale il giudice ha ammesso la richiesta di rito abbreviato presentata dall’avvocato del dottore, Stefano Panconesi. Il dottor Calvani, agli arresti domiciliari (con braccialetto elettronico) dallo scorso 31 dicembre, è arrivato puntuale, sereno, come ha sempre affermato di essere "in pace con la propria coscienza". "In questi mesi – ha spiegato il dottor Calvani al termine dell’udienza – ho ricevuto la solidarietà e l’affetto di tantissimi pazienti, famiglie che ho assistito per anni e che hanno contattato il mio avvocato pur di farmi avere un loro sostegno. Perché io sono medico da molto prima che arrivassero il Coronavirus e questi vaccini. Di vaccini ne avrei fatti ancora molti a chi me li chiedeva". E poi il ricordo degli inizi della sua carriera: "In montagna ero medico di famiglia da dieci anni, ma ho iniziato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?