Il messaggio delle opere di Rossella Baldecchi: pace

L'artista Rossella Baldecchi porta in mostra la sua opera ispirata alla storia di Sadako Sasaki, vittima di Hiroshima, per ricordare gli orrori della guerra e promuovere la pace.

Il messaggio delle opere di Rossella Baldecchi: pace

Rossella Baldecchi davanti alla statua di Sadako

Conoscere Rossella Baldecchi è stato per noi un onore. È arrivata un lunedì mattina, discreta come solo lei sa essere, portando sotto braccio una sua tela. Così ha avuto inizio il racconto del proprio percorso artistico e della sua poetica, al centro della quale donne e bambine, come in ’Peace’, il dipinto che ci ha mostrato dal vivo, raffigurante una bambina di spalle. A colpirci in modo particolare il dipinto raffigurante una bambina giapponese circondata da piccole gru, di cui due realizzate con la tecnica dell’origami. Abbiamo così scoperto la sorprendente storia di Sadako Sasaki, vittima delle radiazioni della cosiddetta black rain. A nove anni dallo scoppio della bomba atomica, la giovane si ammala di leucemia e, durante il ricovero, conosce la leggenda delle mille gru: chi avesse costruito mille origami a forma di gru, avrebbe esaudito i propri desideri. Così inizia a creare piccole gru, ma qualche mese dopo muore. Oggi la statua di Sadako, con le braccia aperte verso il cielo mentre una gru spicca il volo dalle sue mani, si trova all’interno dell’Hiroshima Peace Memorial, dove Rossella Baldecchi ha esposto nel 2019 il dipinto a lei dedicato, per ricordare a tutti che certi orrori non dovrebbero mai accadere.