Benesperi ce l’ha fatta. In alto i calici e subito al lavoro: "Persone giuste al posto giusto"

E’ l’immediato proposito del sindaco appena rieletto: "Riorganizzeremo la macchina comunale". Opere pubbliche: "Abbiamo presentato tanti progetti per avere finanziamenti dal Pnrr". .

Benesperi ce l’ha fatta. In alto i calici e subito al lavoro: "Persone giuste al posto giusto"

Benesperi ce l’ha fatta. In alto i calici e subito al lavoro: "Persone giuste al posto giusto"

Luca Benesperi al ballottaggio ce l’ha fatta: ha ottenuto il 53,24 per cento, con il voto di 3651 elettori e continuerà a governare Agliana per i prossimi cinque anni. Al risultato delle urne, che l’ha visto riconfermato con circa 6.5 punti percentuali in più sul suo sfidante, Guido Del Fante del centrosinistra (46,76%), una gioia incontenibile è esplosa nella sede del comitato elettorale di via Fratelli Cervi, dove il centrodestra ha atteso il risultato finale. Commozione e tanti abbracci per il riconfermato sindaco. E poi in alto i calici per un brindisi alla vittoria, in attesa di una vera festa che sarà organizzata nei prossimi giorni. L’affluenza alle urne è stata più bassa rispetto a cinque anni fa, nonostante entrambi i candidati al ballottaggio sperassero nel portare alle urne almeno una parte di quel 37% circa che non ha votato al primo turno. Invece, più della metà degli aventi diritto al voto non si è espresso al ballottaggio: ha votato il 44,04%, mentre il 55.96% non è andato a votare.

Il centrodestra continua a governare Agliana, ma con una coalizione rinnovata rispetto a quella che vinse cinque anni fa, con meno simboli di partito (ci saranno Fratelli d’Italia e Forza Italia) e più rappresentanza civica, con le nuove liste Benesperi sindaco e Agliana al centro che ha dato un appoggio esterno al voto per il secondo turno con l’accordo di entrare in maggioranza in caso di vittoria di Benesperi. Questa volta non è riuscita a entrare in consiglio la Lega, che nel 2019 entrò per la prima volta nel consiglio comunale con ben otto rappresentanti tra consiglieri e assessori. Alla fine del mandato, però, tra passaggi all’opposizione e dimissioni, ne era uscita dimezzata. Il primo cittadino uscente si era presentato chiedendo di nuovo fiducia ai cittadini con lo slogan: "Abbiamo fatto tanto e vogliamo fare ancora molto". La riconferma della fiducia da parte dell’elettorato era fortemente auspicata, ma non scontata.

Quali sensazioni prova nell’essere riconfermato?

"Una grande soddisfazione. Una gioia diversa rispetto a quella di cinque anni fa. Oggi c’è la consapevolezza del lavoro fatto ed è di conforto la rinnovata fiducia dei cittadini. Nei precedenti cinque anni abbiamo avuto tante difficoltà e avere avuto di nuovo la fiducia degli elettori è una bella soddisfazione".

Auspicava di vincere, perché ha sempre dichiarato che il secondo mandato serve per completare i progetti avviati. Ma si aspettava di vincere veramente?

"E’ una domanda difficile. Ero fiducioso verso gli aglianesi e che sapessero confermarmi la fiducia per il lavoro svolto. Ed è stato così. Li ringrazio".

Cosa farà da domani?

"Metteremo mano alla riorganizzazione della macchina comunale. Abbiamo già fatto tanto, ma i primi cinque anni sono serviti anche a capire come funzionava. Da ora in poi la vogliamo riorganizzare, che non significa solo nuove assunzioni, ma rivedere le posizioni, riorganizzare gli uffici, mettendo le persone giuste al posto giusto".

Per le opere pubbliche cosa prevede il programma?

"Abbiamo presentato tanti progetti per avere finanziamenti dal Pnrr. Siamo in attesa di risposte perché non sono ancora uscite le graduatorie. Sicuramente completeremo entro un anno i lavori, già in corso, per realizzare un nuovo asilo nido in via Bellini".

Per quanto riguarda il futuro del termovalorizzatore, c’è la proroga di tre anni più uno firmata dai sindaci di Montale, Agliana e Quarrata e una mozione approvata dal consiglio comunale di Agliana per attuare la strategia Rifiuti zero. Cosa farà?

"La nostra posizione non cambia. Lavoreremo, come previsto, per cercare un’alternativa alla termovalorizzazione entro i prossimi tre anni. Cercheremo inoltre di capire cosa vuol fare la Regione Toscana che dovrà darci risposte dopo queste elezioni". La nuova coalizione di maggioranza ha una nuova composizione: restano Fratelli d’Italia e Forza Italia, non c’è più la Lega e entrano due liste civiche: Benesperi sindaco e, in seguito all’accordo per il ballottaggio, sarà nella maggioranza anche Agliana al centro.

Come sarà composta la nuova giunta senza la Lega? Ci sarà un assessorato per Torresi?

"Avevo già detto che la lista civica che ci ha appoggiato al ballottaggio, in base agli accordi avrebbe avuto una posizione di governo. Vedremo in che termini. Quanto alla composizione della nuova giunta, è presto per dirlo".

Cosa vuole dire agli aglianesi? "Nei prossimi cinque anni lavoreremo con costanza, tenacia e dedizione, con lo stesso impegno che abbiamo avuto nel precedente mandato, sperando che nel secondo mandato ci siano meno turbolenze, anche a livello di congiuntura internazionale".

Piera Salvi