Appassionatamente Sanremo . L’evento più seguito di sempre

La gara canora ha tenuto incollati alla tv milioni di italiani di tutte le età, anche tra i più giovani. Il talento di Angelina Mango e la canzone napoletana di Geolier: tra successi e polemiche.

Appassionatamente Sanremo . L’evento più seguito di sempre

Il disegno: il palco di Sanremo. rappresentato dai ragazzi

È passata più di una settimana ma ancora si parla di Sanremo. La seconda settimana di febbraio si è tenuta la 74esima edizione del Festival di Sanremo o Festival della Canzone italiana. La domanda più frequente chiesta dai nostri amici e familiari è stata: "Vi è piaciuta questa edizione di Sanremo?".

Noi avremmo già una risposta, ma prima di iniziare occorre capire che cos’è la musica per noi! Per noi la musica è un modo per esprimersi, svagarsi e divertirsi, condividendo i nostri generi musicali favoriti o semplicemente passando un pomeriggio ad ascoltare brani. Spesso l’estate è la stagione che amiamo di più perché non dobbiamo andare a scuola, ma soprattutto, perché i cantanti più ascoltati pubblicano dei tormentoni che possiamo cantare a squarciagola sulle spiagge, rilassandoci tutta l’estate.

La nostra generazione usa molto piattaforme gratuite come Youtube o Spotify e associa le canzoni ai nostri amici per ricordare i momenti passati insieme. Per noi, infatti, la musica rappresenta svago, divertimento, libertà e ci aiuta a liberarci dai nostri problemi. I nostri genitori, invece, per dedicare le canzoni le registravano sulle musicassette e le regalavano agli amici o persone care, quindi i brani erano meno fruibili.

La musica in Italia è molto importante, quindi il festival è molto seguito. Quest’anno la vincitrice è stata Angelina Mango, con la canzone La Noia. C’è stata molta polemica su questa vittoria, poiché l’autrice di questa canzone è figlia di un grande compositore amato in Italia: Pino Mango. Siccome al Festival ha partecipato un cantante emerso da poco di nome Geolier, molti dei ragazzi che seguivano Sanremo hanno votato lui per il suo genere di musica molto particolare, per il testo scritto in dialetto napoletano, che ha creato scalpore tra le vecchie generazioni.

Oltre a questi cantanti si sono presentati alla gara anche rappresentanti delle vecchie generazioni come Ricchi e Poveri, Fiorella Mannoia e Loredana Bertè. Seppur avendo un genere di musica diverso da quelli a cui noi giovani siamo abituati, sono stati molto apprezzati nonostante l’età. Tutta Italia si è ritrovata davanti alla televisione non staccandosi mai dallo schermo, appassionandosi alla musica sempre di più fino ad arrivare a sfidarsi controllando i punti conquistati nel FantaSanremo.

Tutti insieme a parlare di Sanremo. Essere insieme tra diversi, parlare, condividere, perché… Sanremo è Sanremo.