Anti influenza e covid: "I contagi aumentano. Noi raccomandiamo la doppia vaccinazione"

Il segretario della Fimmg, dottor Giuseppe Pace: "Le dosi sono pronte. Abbiamo iniziato con le domiciliari e nelle Rsa: ancora poche richieste. Il picco sarà a febbraio: bisogna arrivare preparati, specie gli anziani". .

Anti influenza e covid: "I contagi aumentano. Noi raccomandiamo la doppia vaccinazione"

Anti influenza e covid: "I contagi aumentano. Noi raccomandiamo la doppia vaccinazione"

PISTOIA

Le dosi di vaccino anti influenzale sono in arrivo negli ambulatori dei medici di medicina generale e sono già prenotabili dai pazienti. La campagna ha preso il via ieri, ed è già iniziata con le vaccinazioni domiciliari per i più fragili e nelle Rsa, come spiega il segretario provinciale della Federazione medici di medicina generale, dottor Giuseppe Pace.

Dottore, come sono gli approvvigionamenti dei vaccini?

"Le sorte stanno arrivando e i tempi saranno rispettati. C’è chi ha scelto di partire già ieri, chi nei prossimi giorni, in base alle dosi ricevute".

Quante sono le dosi di vaccino anti influenzale che la Regione ha messo a disposizione dei medici di famiglia?

"I vaccini sono distribuiti dalla Regione in base al numero e all’età dei pazienti in carico al singolo medico".

Quali sono i soggetti per cui il vaccino è previsto?

"Si parte dagli over 60, i pazienti fragili e poi le altre categorie di pazienti, con patologie per esempio".

Insieme con il vaccino per l’influenza sarà proposto anche quello per il Covid?

"Sì, lo proponiamo a tutti i soggetti anziani e fragili. Stiamo assistendo, proprio in queste settimane, a un forte aumento di contagi da Covid, che ci preoccupa. Se i numeri dovessero aumentare, ciò potrebbe portare all’aumento del rischio di incorrere in complicazioni nei soggetti con pluripatologie o anziani. Il problema è che abbiamo abbassato la guardia: vedendo il virus più attenuato, le persone hanno abbandonato ogni precauzione. E questo, purtroppo accade spesso anche negli ambienti sanitari, dove invece la mascherina è raccomandata, anche come forma di rispetto nei con fronti delle persone più fragili. Quindi, se è vero che nelle sale d’aspetto non vige più l’obbligo di indossarla, noi medici la raccomandiamo sempre e ovviamente dobbiamo essere noi medici, per primi, a dare il buon esempio".

Quale vantaggio c’è a sottoporsi alla doppia vaccinazione, in una sola seduta, ovvero al vaccino anti influenzale e al richiamo anti Covid?

"C’è il vantaggio di iniziare a sviluppare l’immunità dall’influenza e dalle forme forti del virus Covid da subito. Questo, specie nei soggetti anziani e fragili, può costituire solo un vantaggio. Perché i due virus sono entrambi una minaccia per questi soggetti, e la doppia vaccinazione attenua il rischio di complicazioni. Per chi desideri fare il richiamo per la vaccinazione anti Covid dal proprio medico di famiglia, ricordiamo che daremo la precedenza agli over 80".

Quando è previsto il picco influenzale?

"Date anche queste temperature che sono state finora alte, ormai il picco si prevede alla metà di febbraio. Anche per questo, è bene vaccinarsi non con troppo anticipo, anche alla metà di novembre, per mantenere una buona copertura anche quando arriverà la fase più acuta del contagio".

M.V.