Pisa e i negozianti del centro, le loro richieste: "Sconti sui parcheggi e iniziative"

I punti messi a fuoco alla prima riunione organizzata dal presidente di Confesercenti Maurizio Di Sabatino

Shopping nelle vie del centro. I negozianti chiedono iniziative e agevolazioni per i clienti
Shopping nelle vie del centro. I negozianti chiedono iniziative e agevolazioni per i clienti

Pisa, 12 febbraio 2024 – Gli esercenti del centro storico di Pisa provano a a rialzare la testa per evitare di affogare e il mantra è unirsi. Un primo passo di questa unione è stato compiuto venerdì scorso attraverso una riunione dei commercianti dell’area di Borgo. Ideatore dell’iniziativa è stato Fabrizio Di Sabatino, presidente di Confesercenti e titolare dell’omonimo negozio di abbigliamento in largo Ciro Menotti, che è impegnato in prima persona per risollevare le sorti di un centro storico che sembra destinato a chiudere.

Presidente Di Sabatino, com’è stata questa riunione? C’è stata una buona partecipazione?

"Eravamo una ventina di persone, molte più di quanto mi aspettassi e ne sono rimasto piacevolmente colpito. La riunione è andata bene e, nel tempo limitato che avevamo, abbiamo tirato giù una lista di problematiche che poi affronteremo nuovamente di persona verso la fine del mese".

Quali sono le problematiche principali?

"Abbiamo riassunto e tirato fuori una decina di punti che peroreremo con un vademecum nelle sedi apposite. Uno per tutti la possibilità di chiedere ai vari enti di non far pagare per chi lavora la tariffa intera dei parcheggi. Spendere almeno 15-20 euro al giorno tutta la settimana per venire a lavorare in macchina è una somma esosa. I lavoratori del tribunale e della questura hanno i parcheggi gratuiti, noi non chiediamo tanto ma almeno un piccolo occhio di riguardo. Poi vogliamo chiedere una tariffa agevolata sui parcheggi il sabato anche per i clienti. È un’iniziativa che facciamo già durante il periodo natalizio, sarebbe utile rispolverarla adesso e farla durare qualche mese visto che è palese che le cose non stanno andando bene. Ed è importante anche l’immediatezza di questi provvedimenti".

Altri temi?

"Durante la riunione è venuta fuori la necessità di realizzare più eventi nel centro storico, come il Pisa Cat Friendly. Molti sono concordi che queste iniziative non devono essere usa e getta: vanno pensate a lunga gittata, migliorate ogni anno e arricchite. Questo avviene già in altre realta toscane, serve anche qui e il primo passo per fare qualsiasi cosa è la creazione di una rete".

Il progetto della piattaforma per i negozi online come è stato recepito?

"C’è molto interesse. Qualcuno ha evidenziato delle piccole problematiche nel realizzarlo e nel seguirlo, e su questo ci dovremo confrontare ancora. L’importante è aver registrato un interesse generalizzato, adesso bisogna capire come attuarlo e sotto quale veste attuarlo. Però è importante crearla perché è un’idea per stare insieme e muoversi insieme".

Quando è previsto l’incontro con l’amministrazione?

" Ci rincontreremo tra di noi, ne parleremo meglio e poi ci confronteremo poi con l’amministrazione comunale e chiederemo aiuto all’assessore al commercio e alle istituzioni".

State investendo per creare rete?

"Da soli non si fa più nulla e bisogna fare tutto il prima possibile. Mi auguro che chi è rimasto soddisfatto di questa prima riunione possa trasmettere le sue sensazioni positive ad altri. A breve creeremo un gruppo Whatsapp per mantenerci in contatto e segnalare furti, situazioni insolite e altro. L’idea è quella di creare uno zoccolo duro di persone, almeno una trentina, che, al corrente della problematica, si uniscono per discutere e trovare soluzioni. Ognuno porta la sua conoscenza, la sua esperienze e le sue idee, tutti vengono accettati. Io da presidente della Confesercenti non voglio parlare a nome mio per tutti, voglio essere il portavoce degli altri".