"Il nostro sostegno a giovani e scuole"

La Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato rinnova il suo sostegno al progetto Cronisti in classe-Campionato di giornalismo, ritenendolo importante per la formazione dei ragazzi e per la riflessione sull'importanza della comunicazione. La Fondazione supporta anche altri progetti legati ai giovani e alle scuole.

La Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato rinnova il suo impegno e supporto al progetto Cronisti in classe-Campionato di giornalismo che La Nazione e il gruppo Editoriale Nazionale, con Qn, Il Resto del Carlino e Il Giorno, organizza da ventidue anni. "Sosteniamo con convinzione questa iniziativa che è molto interessante e e importante per la formazione dei ragazzi – le parole di Giovanni Urti, presidente di Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato – Credo che l’apporto più importante riguardi l’interdisciplinarità, il rapporto con gli insegnanti che sono guide e supporto durante la redazione degli articoli e della pagina di giornale e non vengono visti solo come coloro che interrogano. E poi c’è l’altro aspetto altrettanto fondamentale. Gli alunni e gli studenti cominciano a riflettere sull’importanza della comunicazione. In questo modo il progetto Cronisti in classe-Campionato di giornalismo incide molto sulla formazione dei ragazzi grazie alla conoscenza e all’approfondimento della carta stampata"

"Noi, nel nostro piccolo, riteniamo che questa iniziativa, che guarda in maniera quasi esclusiva ai giovani e va loro incontro, debba essere supportata – ancora le parole del presidente Urti – Ci siamo quest’anno e ci saremo anche il prossimo anno. E’ un appuntamento fisso anche per Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato. Credo che i frutti di questa esperienza arrivino concreti". "La nostra Fondazione – conclude Giovanni Urti (nella foto) – supporta anche altri progetti legati ai giovani e alle scuole. Con l’istituto Cattaneo di San Miniato, in particolare, siamo impegnati nel progetto ’Adottiamo un monimento’. Quest’anno hanno adottato Palazzo Grifoni, la nostra sede. Gli studenti hanno effettuato uno studio approfondito delle opere d’arte e realizzato un QrCode che è stato installato all’esterno dell’ingresso e illustra l’edificio e le sue opere. Con il Cattaneo facciamo anche il progetto ’Conoscere la Borsa’. E continua la nostra collaborazione con l’Osservatorio Giovani Editori. Questi progetti sono possibili per noi con costi gestibili, mentre i benefici sono enormemente superiori rispetto alle risorse che mettiamo a disposizione".