Cascina, l'assessore Cipolli interviene sugli abbandoni dei rifiuti

Una nota dell'assessore all'ambiente Paolo Cipolli in risposta alle critiche del gruppo "Valori e impegno civico" sul fenomeno dell'abbandono dei rifiuti.

L'assessore Paolo Cipolli

L'assessore Paolo Cipolli

Cascina 19 marzo 2024- Sarebbe bello se non ci fosse bisogno di ispettori ambientali, telecamere, recuperi di rifiuti abbandonati. Risparmieremmo un po’ di risorse che potrebbero essere destinate a scopi ben più nobili e vivremmo in un ambiente più pulito e decoroso. Eppure non dipende da qualche maledizione: dipende da noi cittadini, anzi da una sparuta minoranza che agisce a discapito di tutti gli altri. Così ogni amministrazione si trova a combattere con questo odioso fenomeno. A Cascina dopo la sperimentazione avviata nel 2022, dal 1° dicembre scorso abbiamo riassegnato il servizio di monitoraggio e rilevazione delle immagini attraverso una rete di telecamere distribuite su 100 postazioni. Ogni mese possiamo spostare le 10 telecamere attive in modo da cercare di individuare i responsabili nei luoghi in cui gli abbandoni sono più frequenti. E per fare questo abbiamo stanziato 47.580 euro all’anno. Oltre a questo continua l’attività degli ispettori ambientali. Con la collaborazione dell’Ufficio Ambiente e della Polizia Municipale, nei primi tre mesi sono stati ‘beccati’ 40 cittadini e sono state elevate sanzioni per 7.300 euro. È chiaro che l’obiettivo non è fare cassa ma contrastare il malcostume. Non basta la repressione e per questo sono attivi nelle scuole diversi progetti di educazione ambientale che coinvolgono ogni anno più di 50 classi delle scuole elementari e medie. Dai ragazzi ci aspettiamo il vero cambiamento culturale: una maggiore sensibilità al rispetto dell’ambiente che ci ospita. Paolo Cipolli Assessore all'ambiente Comune di Cascina