Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
15 gen 2022

Il Comune acquista un vaso di Galileo Chini Andrà ad arricchire la raccolta di opere d’arte

Il maestro del Liberty, che fu attivissimo in città, è al centro di importanti mostre a Prato e Firenze

15 gen 2022

Galileo Chini è stato al centro dell’attenzione con la recente riapertura delle Terme Tamerici e ha vissuto una stagione di grande attenzione con la mostra "Turandot" realizzata dal Museo del Tessuto di Prato, che si chiuderà a breve e con la rassegna "Galileo Chini e il Simbolismo europeo", visitabile a Villa Bardini di Firenze fino al 25 aprile, con un focus particolare sugli anni giovanili dell’artista.

Nel 1904 Galileo abbandonò la sua manifattura Arte della Ceramica e insieme al cugino Chino fondò le Fornaci di San Lorenzo, fabbrica che, contrassegnata da un simbolo raffigurante una grata in riferimento al martirio del santo, produsse maioliche con copertura a lustri metallici, manufatti in gres, vetrate e svariati originali arredamenti d’interni. Proprio a tale periodo fa riferimento l’elegante vasetto dal corpo ovale in maiolica a lustri acquisito dal Comune di Montecatini Terme, che va ad arricchire la collezione di opere d’arte dell’ente.

Il vasetto della collezione – commentano da palazzo comunale – potrebbe ben figurare sul trespolo da lavoro di Galileo Chini, rappresentato nel bassorilievo in gres di Domenico Trentacoste sull’ex-Padiglione dei Sali Tamerici. L’edificio, diventato da alcuni anni di proprietà privata, è uno dei pochi esempi in città di arte puramente Liberty.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?