Gema contro Brianza. Obiettivo quarto posto

La Gema Montecatini affronta la Lissone Interni Brianza Casa Basket nella ventiduesima giornata di Serie B Nazionale. Una vittoria permetterebbe a Montecatini di avvicinarsi ai playoff. La squadra di Del Re dovrà affrontare una squadra giovane e veloce, ma anche discontinua. Montecatini ha avuto una settimana difficile a livello fisico, ma è carica di entusiasmo. Angelucci è tornato in gruppo, mentre Mastrangelo è ancora incerto.

Gema contro Brianza. Obiettivo quarto posto
Gema contro Brianza. Obiettivo quarto posto

È stata a suo modo decisiva all’andata, con un successo che in un certo senso inaugurò l’autunno magico da 8 vittorie e 2 sole sconfitte della Gema Montecatini, e rischia di esserlo anche al ritorno. Se la sfida fra i leoni termali e la Lissone Interni Brianza Casa Basket, valevole per la ventiduesima giornata del campionato di Serie B Nazionale, dovesse infatti terminare con una nuova affermazione di Gema ai danni dei biancoverdi la truppa di Del Re farebbe un altro deciso passo avanti verso i playoff, prendendosi un vantaggio definitivo nei confronti di un’altra diretta concorrente dopo la Logiman Crema. Ampliare il divario nei confronti del quinto posto diventa l’obiettivo primario della trasferta in quel di Treviglio, dove Savoldelli e compagni stasera alle 20.30 sul parquet del PalaFacchetti affronteranno una squadra tanto talentuosa quanto discontinua e imprevedibile, capace di imprese esaltanti (vedi la vittoria di Piombino) ma anche di rovinose cadute, come l’inatteso ko di una settimana fa contro la Virtus Arechi Salerno: "Brianza viene da un periodo di alti e bassi a livello di risultati, ma può vantare un gruppo molto compatto e ben allenato, che a mio avviso sta facendo benissimo nel complesso – analizza coach Marco Del Re – E’ una squadra molto giovane e che corre moltissimo: Caffaro è il più esperto sotto canestro per Brianza ma poi c’è il ‘98 Galassi, e da lì sono tutti nati dal 2000 in poi, fino al 2006 Valesin. Hanno tanti punti nelle mani, quasi 80 di media con una serie di possessi impressionante, con Loro, Naoni, Lanzi e Ceparano sempre pericolosi".

La settimana di Gema è stata tanto complicata a livello fisico, con molti componenti del roster termale alle prese con acciacchi di vario tipo, quanto spensierata e carica di entusiasmo sul piano mentale. Con un ritorno importante, ovvero quello di Simone Angelucci, che ha affrontato le prime sgambate in gruppo dopo oltre tre mesi e che si avvicina gradualmente al rientro in campo, anche se servirà ancora un po’ di pazienza. La stessa che ci vorrà probabilmente per rivedere nuovamente sul parquet Nicola Mastrangelo, sul cui recupero anche coach Del Re è parso alquanto dubbioso: "Non sappiamo ancora se Mastrangelo riuscirà a recuperare – prosegue infatti il tecnico livornese – ma al di là dei problemi di organico per noi sarà importante l’approccio alla gara, l’atteggiamento e la capacità di tenere un buon ritmo. Stiamo attraversando un percorso di rinascita fisica e atletica, oltre che di cambiamento sotto alcuni aspetti del nostro gioco: veniamo da una bella vittoria contro Crema ma ci attende un altro bel banco di prova. Dovremo cercare di pareggiare l’atletismo di Brianza".

Filippo Palazzoni