Gema ancora senza un campo. Prende corpo l’ipotesi Pistoia

La questione del palazzetto tiene banco a Montecatini Terme per le franchigie cestistiche locali. Gema cerca una nuova sede a causa dei lavori al PalaTerme, ma le difficoltà persistono. Possibile trasferimento al PalaCarrara di Pistoia.

Gema ancora senza un campo. Prende corpo l’ipotesi Pistoia

Gema ancora senza un campo. Prende corpo l’ipotesi Pistoia

Anche in casa Gema più che il mercato è la questione palazzetto a tenere banco. Con meno certezze però rispetto a quelle su cui possono contare i cugini degli Herons. Quando ad autunno scorso è stato presentato il progetto dei lavori di riqualificazione al PalaTerme è apparso subito chiaro che l’unica via praticabile per le due franchigie cestistiche montecatinesi sarebbe stata quella della ’migrazione’ per una stagione in altro impianto. Se gli Herons hanno subito preso contatti con l’amministrazione comunale di Lucca, la società del presidente Alessandro Lulli ha rivolto il suo sguardo verso Prato e Fucecchio, avviando i contatti con le amministrazioni locali per i due più importanti impianti cittadini, rispettivamente il PalaKobilica di Maliseti e il Palazzetto dello Sport di Piazza Sandro Pertini a Fucecchio. Sul secondo sono emerse fin dai primi colloqui forti perplessità in merito allo stato del parquet, che avrebbe dovuto essere sostituito in toto (a carico di Gema). Si è quindi approfondito il discorso di Prato, con l’amministrazione comunale della città laniera che si è prodigata per riunire intorno a un tavolo Gema e il Prato C5, società che da anni è titolare della gestione dell’impianto di via di Maliseti, omologato solo per il calcio a 5, per la pallamano e per il volley femminile. I colloqui sono andati avanti per oltre sei mesi e ad un certo punto sembrava cosa fatta per il trasferimento dei termali sul suolo pratese, poi la pista si è improvvisamente raffreddata causa alcuni problemi di difficile risoluzione, su tutti il divieto per Gema di apporre sul parquet in maniera permanente gli adesivi dei vari partner economici e la mancanza di uno spazio adibito a magazzino per i canestri e l’attrezzatura necessaria per le gare. Così nelle ultime ore sta prendendo sempre più corpo la prospettiva di vedere Savoldelli e compagni di scena al PalaCarrara di Pistoia. I contatti con l’amministrazione presieduta dal Sindaco Alessandro Tomasi e con il Pistoia Basket sono stati avviati, la fumata bianca non è impossibile ma i tempi per l’iscrizione iniziano ad assottigliarsi e ad oggi Gema non ha niente di sicuro in mano.