Torna il Carneval Profano. Dopo 5 anni la Pro loco Avenza rilancia la tradizione

Una testa di Carnebacco di oltre 2 metri e mezzo realizzata da Natalia Caprili

Torna il Carneval Profano. Dopo 5 anni la Pro loco Avenza rilancia la tradizione
Torna il Carneval Profano. Dopo 5 anni la Pro loco Avenza rilancia la tradizione

Torna dopo quasi cinque anni di assenza il ‘Carneval profano’ della Pro loco sulla via Francigena di Avenza, una delle manifestazioni più sentite del territorio e che coinvolge tutte le classi dell’istituto comprensivo Gino Menconi. Dopo lo stop dovuto al Covid e altri disguidi che ne hanno impedito l’allestimento, il ‘Carneval profano’ torna nel cuore di Avenza sabato 24 dalle 15 alle 19. Ad animare la frazione ci saranno i colori e le maschere in carta pesta realizzati dai ragazzi dell’istituto Menconi, e poi musica, spettacoli itineranti, laboratori per bambini e al calar del sole il classico rogo di buon auspicio che prevede di dare fuoco alla testa di Re Carnebacco.

A realizzare l’imponente testa di Carnebacco (tra testa e struttura si parla di oltre due metri e mezzo) è stata nuovamente l’artista Natalia Caprili, che dall’edizione 2013 ha firmato anche tutte le locandine dell’evento. Il ‘Carneval profano’ a differenza delle scorse edizioni si svolgerà nel centro storico, in piazza Finelli e nel giardino di Casa Pellini, che sarà gestito direttamente dalle scuole. "Siamo contenti e soddisfatti di poter rifare il Carneval profano – dice il presidente della Pro loco sulla via Francigena Sasha Biggi –. Rispetto alla festa Medievale il Carneval profano è il nostro cuore perché ci permette di consolidare tutta una rete di rapporti sul territorio, con le scuole e le famiglie, con cui lavoriamo in sinergia tutto l’anno. Il Carneval profano è un motore sociale di grande forza, di feste medievali in zona ce ne sono parecchie ma il Carnevale è un’eccezionalità già dal nome. È il nostro piccolo grande orgoglio".

La Pro Loco dunque riparte con il carnevale sperando il prossimo anno di poterlo ampliare e ricomprendere la direttiva di via Giovan Pietro. "Era giusto ripartire anche per dare un segnale – conclude il presidente –, è fondamentale riempire questo importante spazio che era rimasto vuoto". "Siamo felici per il ritorno del Carneval profano, una manifestazione che negli anni è stata capace non solo di richiamare numerose persone sul territorio – commenta l’assessore al Commercio Lara Benfatto –, ma anche di radicarsi e diventare un appuntamento molto atteso da tutta la comunità di Avenza. Come amministrazione crediamo molto nel lavoro che le Pro loco fanno quotidianamente sul territorio, e come in questo caso, cerchiamo sempre di sostenerle". La manifestazione è stata realizzata con il contributo del Comune e in collaborazione con la parrocchia di San Pietro che ha concesso l’uso del giardino di Casa Pellini, e la Pubblica assistenza di Avenza.

Alessandra Poggi