Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
24 mag 2022

Tenderini come Proust, dai sapori antichi il ricordo del tempo passato

24 mag 2022

Ingredienti e ricette come strumenti per un viaggio nel tempo e riportare alla memoria l’aria di casa. Si intitola ‘Farina ed acqua quanta ne prende’ il libro di Filippo Tenderini uscito per Sea che mette nero su bianco tante ricette della tradizione nostrana, ma non solo. Tenederini, carrarino doc, da quasi 30 anni vive a Londra dove si occupa di consulenze fiscali, riscoprendo i sapori della sua infanzia compie un vero e proprio viaggio nella memoria. Un po’ come la Madeleine per Proust nelle sue ricette l’autore ritrova ciò che si è lasciato alle spalle. "E’ un libro – racconta Tenderini - che nasce dal desiderio di raccontare in modo autentico l’esperienza di vita di un figlio che stando accanto a mamma Augusta vede elaborare un quadernetto di ricette che farà sue nel tempo, restituendo al presente le emozioni di allora. Ogni momento passato assieme girovagando per la città o davanti ai fornelli è una storia, una scoperta di luoghi e di persone che con la loro generosità rispecchiano la bellezza del territorio tra Tirreno e Apuane. Il pizzico di sale, la farina e acqua quanta ne prende, il burro quanto basta, il rito della spesa nei mercati rionali, fermano il tempo e lasciano tutto lo spazio agli aromi di spezie, frutta, verdura, al lardo di Colonnata e agli erbi di casa Forma Alta con i suoi vigneti terrazzati detti eroici che ancora oggi si affacciano rigogliosi sul mare". I personaggi e i momenti di vita in questo libro si intrecciano così tra loro e attraverso la sapiente elaborazione manuale di ingredienti naturali, arrivano a fondere presente e passato. "Da buon emigrante – aggiunge Tenderini – il legame con la mia terra è sempre forte e anche questo è un modo per tenerlo vivo". Lo stesso Tenderini fa parte a Londra dell’Accademia italiana della cucina e il prossimo 7 giugno presenterà il suo libro in un ristorante a Chelsea. Da molti anni attivo sostenitore per la ricerca per la cura dell’Alzheimer, l’autore ha deciso che tutti i proventi andranno a finanziare un’associazione che opera in questo campo.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?