"Il servizio prelievi nei distretti carraresi è in una situazione disastrosa". Il Comitato Salute pubblica chiede all’Usl interventi urgenti per far ripartire al meglio il servizio come prescritto dalle linee per la riaprtenza dopo l’emergenza Covid. "Vogliamo denunciare la scarsa attenzione che la Usl Nord-Ovest...

"Il servizio prelievi nei distretti carraresi è in una situazione disastrosa". Il Comitato Salute pubblica chiede all’Usl interventi urgenti per far ripartire al meglio il servizio come prescritto dalle linee per la riaprtenza dopo l’emergenza Covid. "Vogliamo denunciare la scarsa attenzione che la Usl Nord-Ovest dedica ai cittadini carraresi che devono effettuare un semplice prelievo così come trascura la salute degli operatori sanitari del servizio – dicono dal comitato –. Al momento, dopo la richiesta telematica fatta dal medico curante, non ci si può rivolgere al Cup ma è necessario prenotarsi telefonicamente, solo dalle e 10 alle 13 ai distretti di Avenza e di Carrara che risultano per lo più occupati. Dopo svariati tentativi oggi (ieri, ndr), 5 giugno, siamo riusciti ad avere l’appuntamento per l’8 Luglio. Il distretto di Marina di Carrara ci risulta ancora chiuso. A questo siaggiunga che la situazione generale del distretto di Carrara centro è poi critica visto che dall’8 maggio hanno chiuso gli sportelli Cup al Monoblocco e che nella struttura ci sono inoltre gli ambulatori dei medici di famiglia. Eppure quando ci si reca personalmente al check point della struttura di Carrara, all’ingresso non viene misurata la temperatura, ma l’assurdo è che il personale all’interno ha meno dotazioni delle parrucchiere, dato che nessuno risulta provvisto di visiere. Per questo chiediamo di provvedere ad ampliare immediatamente il servizio e che questo sia organizzato in maniera consona iniziando con il fornire subito a tutti gli operatori i dovuti i dispositivi di protezione individuale".