Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
9 apr 2022

Sanlorenzo spa sbarca ai Navicelli Produrrà yacht ultra moderni

Il consiglio di amministrazione sarà presieduto da Bruno Lotti. Il fatturato previsto per il 2022 sfiora i 730 milioni di euro

9 apr 2022
Uno yacht del cantiere Sanlorenzo spa
Uno yacht del cantiere Sanlorenzo spa
Uno yacht del cantiere Sanlorenzo spa
Uno yacht del cantiere Sanlorenzo spa
Uno yacht del cantiere Sanlorenzo spa
Uno yacht del cantiere Sanlorenzo spa

Sbarca ai Navicelli, nella zona portuale industriale di Pisa, la Sanlorenzo spa, big della nautica italiana e marchio conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. La società spezzina quotata in borsa opera da tempo a Massa e Viareggio e ha la sede principale del cantiere ad Ameglia (La Spezia), mentre la produzione di superyacht si svolge a La Spezia.

Nei giorni scorsi Sanlorenzo spa ha rilevato il 48% della livornese Mec-Carpensalda per sviluppare sempre di più la carpenteria metallica del settore navale, costituendo una Newco che rilancerà la storica azienda della famiglia Lotti, che ha il suo quartier generale a Livorno e sede operativa anche nella darsena pisana. Top secret i dettagli dell’operazione, che però è già stata perfezionata. La nuova società nata dall’alleanza tra Carpensalda e cantieri navali Sanlorenzo sarà governata da un consiglio di amministrazione presieduto da Bruno Lotti e di cui fanno parte l’amministratore delegato Riccardo Cima, Giacomo Lotti e Ferruccio Rossi, presidente della divisione superyacht di Sanlorenzo.

I cantieri navali Sanlorenzo costruiscono yacht dal 1958 e, si legge nel sito del gruppo, "rappresentano la boutique della nautica grazie ad una produzione limitata di pochi yacht all’anno, progettati e costruiti secondo le richieste, lo stile e i desideri di ogni singolo armatore".

Il fatturato previsto per il 2022 sfiora i 730 milioni di euro. L’azienda livornese Mec-Carpensalda opera nella costruzione di yahct e altre tipologie di imbarcazioni in acciaio o in lega leggera fino a 100 metri di lunghezza. Ha iniziato l’attività nel 1965 nel campo della carpenteria metallica industriale medio pesante, nell’impiantistica industriale, nella caldareria e principalmente nelle costruzioni e riparazioni navali con due stabilimenti produttivi a Livorno e Pisa collegati tra loro proprio dal Canale dei Navicelli. "L’arrivo in darsena di Sanlorenzo - dice Salvatore Pisano, amministratore unico di Navicelli di Pisa, la società di gestione pubblica del canale e della Darsena - apre prospettive ro interessanti sotto il profilo occupazionale. Posso dire che Sanlorenzo ha scelto Carpensalda e i Navicelli proprio perché il nostro lavoro di questi anni ha reso il polo nautico pisano estremamente attrattivo e capace di saper coniugare sviluppo industriale e compatibilità ambientale".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?